Si barrica in casa minacciando di uccidere un ostaggio con un machete

Nei guai un 25enne che è stato trasferito presso l'ospedale di Lanciano

Cronaca
lunedì 03 maggio 2021
di La Redazione
Auto polizia
Auto polizia © pugliapress.it

ABRUZZO. Il pomeriggio del 2 maggio, il personale della squadra volante e dell'ufficio anticrimine del Commissariato di Lanciano unitamente al personale della squadra mobile della Questura di Chieti, sono intervenuti in zona Santa Maria Maggiore di Lanciano in quanto un ragazzo di anni 25, si era barricato in casa minacciando di uccidere un ostaggio presente in abitazione, secondo quanto da lui stesso riferito.

Il personale  dopo aver verificato che il giovane si trovava da solo, dal balcone ha minacciato di morte gli intervenuti con un grosso coltello tipo "machete", gettando verso di loro oggetti contundenti senza arrecare danni.

Dopo ripetuti tentativi tesi a farlo desistere dalle sue intenzioni, all'improvviso il giovane è saliot sul tetto dell'abitazione e si è dato alla fuga camminando sui tetti delle abitazioni vicine.

Successivametne è riuscito, previa effrazione di una finestra, ad introdursi all'interno di un'altra abitazione vicina dove è stato raggiunto dal personale di polizia che con prontezza e tempestività lo ha disarmato e immobilizzato prima che si verificassero danni fisici ad alcuno. Immediatamente è stato fatto trasportare presso il locale nosocomio, dove è stato trattenuto a causa delle condizioni di alterazione psicofisica.