Rapina alla gioielleria Boschetti: agli arresti 3 sanseveresi, un quarto ancora ricercato

Cronaca
Vasto mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Rapina alla gioielleria Boschetti, agli arresti quattro cittadini sanseveresi
Rapina alla gioielleria Boschetti, agli arresti quattro cittadini sanseveresi © Vastoweb

VASTO. Nel corso della mattina del 16 aprile 2019 i militari della Compagnia di Vasto hanno eseguito l'ordinanza emessa dal G.I.P. dott. Pasquale Fabrizio del foro di Vasto, con la quale è stata disposta l'applicazione della misura di custodia cautelare in carcere a carico di quattro cittadini sanseveresi S.H. dell'89 ancora a piede libero, R.G del '93, P.l. del '73, L.P.S. del '96, accusati di aver partecipato, a vario titolo e in concorso tra loro, all'efferata rapina a mano armata consumatasi lo scorso 1 ottobre 2018, presso la Gioielleria "Boschetti Gioielli" di Cupello (leggi).

I rapinatori, nella circostanza, avevano asportato numerosi monili del valore di 4.000 euro e di 400 euro in contanti, ferendo gravemente il titolare dell'esercizio, Mario Boschetti, che aveva tentato di opporsi. I Carabinieri del Nucleo Operativo di Vasto, sotto la direzione del locale Sostituto Procuratore, dottoressa Gabriella De Lucia, in collaborazione coi militari della Compagnia di San Severo, al termine di una approfondita attività investigativa sono stati in grado di ricostruire la pianificazione, l'organizzazione, e l'esecuzione del delitto, nonché i tentativi di coprirne le tracce. I malviventi qualche giorno prima della rapina avevano noleggiato un veicolo presso una ditta specializzata di San Severo, e del quale si erano immediatamente serviti per effettuare perlustrazioni e sopralluoghi presso alcune gioiellerie del Vastese.

Il primo ottobre scorso, scelto l'obiettivo, una nota gioielleria di Cupello, uno di loro entrava nella gioielleria stabilita con il volto travisato da un cappello e una barba posticcia, fingendo di voler acquistare alcuni monili. Non appena il titolare apriva la cassaforte per mostrare alcuni gioielli, il rapinatore gli puntava una pistola al viso minacciandolo di morte. Il Boschetti allora, nel tentativo di opporsi, veniva prima colpito al capo e al torace e, raggiunto dietro al bancone, veniva immobilizzato a terra. Il criminale aveva così la possibilità di far entrare altri due complici, i quali penetravano col volto travisato e s'impossessavano dei preziosi presenti all'interno della rivendita, asportando monili e contanti per un valore di oltre 4.000 euro. Raccolto il bottino i tre malviventi raggiungevano il veicolo, una Fiat 500L di colore grigio, dove li attendeva, a poca distanza, un quarto complice, con il quale si davano immediatamente alla fuga.

Il Giudice Per le Indagini Preliminari, dott. Fabrizio Pasquale, nel condividere la ricostruzione dei fatti operata dal P.M., disponeva l'immediata traduzione dei quattro indagati presso il più vicino carcere, quale misura di custodia cautelare.

GUARDA IL VIDEO: