Cinghiali contro auto sulla Statale 16: «Prima o poi ci scappa il morto»

Il conducente: “Grande paura, l’impatto è stato inevitabile”

Cronaca
Vasto sabato 04 maggio 2019
di Christian Dursi
Più informazioni su
Cinghiali contro auto sulla Statale 16: «Prima o poi ci scappa il morto»
Cinghiali contro auto sulla Statale 16: «Prima o poi ci scappa il morto» © Vastoweb.com

VASTO. Un branco cinghiali attraversa all’improvviso la strada, un automobilista se lo ritrova davanti e non può evitare l’impatto con gli ungulati. Grande spavento, ingenti danni al mezzo, ma fortunatamente l’uomo sta bene.

È quanto accaduto l'altra sera alle ore 22:10 sulla Statale 16, all’altezza della stazione di servizio dell’Agip, dove F. M., al volante della sua Ford B-Max, si è visto spuntare di colpo un nutrito branco di cinghiali che gli ha sbarrato la strada impedendogli qualsiasi manovra: «Ero diretto verso il porto di Vasto, direzione nord, quando almeno dieci esemplari hanno attraversato di colpo la carreggiata. Non ho avuto altra soluzione: prenderli in pieno oppure andare nell’altra corsia e finire contro un tir. L'auto ha subito ingenti danni, per il violento impatto sono scoppiati anche gli airbag».

L’uomo, che è rimasto diverse ore al Pronto Soccorso sotto osservazione a causa dei postumi dell’urto, è ancora comprensibilmente scosso da ciò che gli è occorso e si chiede quanto ancora debba accadere prima che si affronti seriamente il problema della presenza dei cinghiali sulle nostre strade: «L’impatto è stato considerevole, ma sono ferito soprattutto nel morale per questo incontenibile fenomeno di ungulati che stanno provocando danni e che minacciano l’incolumità degli automobilisti. Vorrei sapere quando si prenderà una soluzione a questo problema, prima o poi ci scappa il morto e nessuno fa nulla».

«Invito – conclude- i testimoni che hanno assistito alla scena a contattarmi in modo che ci siano le condizioni per mettere in atto le procedure per il risarcimento dei danni subiti».

Gli eventuali testimoni possono contattare la nostra redazione.