Via Incoronata si allaga e le case vengono inondate: «Drenaggio insufficiente»

Una residente: «Abbiamo dovuto disporre delle barriere "fai da te"»

Cronaca
Vasto giovedì 11 luglio 2019
di Christian Dursi
Più informazioni su
Villette allagate in Via Incoronata
Villette allagate in Via Incoronata © Vastoweb.com

VASTO. Se l’è vista brutta ieri pomeriggio una famiglia residente in una villetta in via Incoronata n. 24, dove il violento acquazzone accompagnato da chicchi di grandine delle dimensioni di palle da tennis ha in pochi minuti provocato l’accumulo di un’ingente quantità di acqua lungo l’asse stradale che, incapace di defluire nei canali di scolo e spinta dalle auto in transito, è successivamente debordata verso l’abitazione di alcuni cittadini i quali si sono visti raggiungere da un vero e proprio torrente in piena.

A favorire il pericoloso fenomeno ha contribuito la pendenza ma, come ci ha spiegato la Signora Anna Palmieri, ivi domiciliata, che questa spiacevole situazione l’ha vissuta in prima persona, la causa principale è da imputare all’inefficienza del sistema di drenaggio, tanto che già in passato, in circostanze analoghe, si era verificato il medesimo episodio con esito peggiore.

«Sono stati momenti di grande tensione – ha raccontato Anna – Ci è mancato poco che l’acqua superasse le “barriere artigianali” che abbiamo disposto a protezione della nostra abitazione e si riversasse direttamente contro di noi. Inoltre mio marito è dovuto uscire sotto l'alluvione per spalare la terra e così incanalare l'acqua lontana dalla nostra cucina e dal nostro garage».

A scongiurare il rischio inondazione hanno contribuito infatti degli assi in legno e dei mattoni posizionati lungo la discesa che separa la strada di via Incoronata dalla villetta e che hanno deviato l’acqua verso il giardino dove è rimasta traccia di evidenti solchi ma, come ha precisato Anna, la ragione di un simile fenomeno è di altro tipo: «Il numero di tombini è insufficiente. L’amministrazione ne è al corrente e due anni fa, in seguito a un’altra alluvione in cui non fummo così fortunati e l’acqua entrò nella nostra abitazione, ci aveva informato che il sistema di raccolta dell'acqua piovana sarebbe stato potenziato. Da allora nulla è accaduto – ha concluso Anna – e, per prevenire il ripetersi di inondazioni, abbiamo dovuto provvedere noi stessi erigendo delle rudimentali barriere di protezione».

GUARDA IL VIDEO: