​Al Polo Liceale Mattioli torna il Festival Ad/ventura

Dal 19 al 27 gennaio 2019 ci sarà la settimana della scienza

Cultura
Vasto venerdì 18 gennaio 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Liceo Mattioli Vasto
Liceo Mattioli Vasto © web

VASTO. La Settimana della Scienza a Vasto, diventata in corso d’opera Festival Ad/ventura, spegne venti candeline all’insegna della sperimentazione.

Da domani, 19 gennaio, per otto giorni il Polo Liceale “R. Mattioli” ospiterà laboratori, conferenze, tavole rotonde, exhibit, concerti, proiezioni e tante performances… di scienza e arte, con un programma di decine di eventi dedicati al pubblico di tutte le età.

Il tema di quest’anno è PARADOSSI, una parola chiave forte ed evocativa, un fil rouge che collega perfettamente molteplici discipline e si presta a varie declinazioni.

Il paradosso è un potente stimolo per la riflessione. Dai paradossi di Zenone alle antinomie di Immanuel Kant, fino a giungere ai paradossi della meccanica quantistica e della teoria della relatività generale, l'umanità si è sempre interessata ai paradossi.

Il progetto alimenta riflessioni, confronti e sinergie tra docenti, studenti, famiglie, università, centri di ricerca, associazioni e liberi professionisti; fa conoscere a tanti giovani le più avveniristiche implicazioni e prospettive della ricerca, nella convinzione che la maggiore forza della scienza stia nella capacità non tanto di trovare delle risposte, quanto di sollevare le giuste domande.

Ad/ventura propone una selezione di ambiti, indagando paradossi fisici, biologici, chimici, linguistici, psicologici e umani, e utilizza forme di comunicazione che variano dalla lectio magistralis al laboratorio, dalla performance del corpo a quella del suono, dell’immagine e della recitazione, dando spazio agli studenti capaci di nutrire il desiderio di gusto, curiosità e bellezza della scoperta.

Tornano gli ex alunni oggi “scienziati”, fisici, chimici, critici cinematografici, medici, ingegneri, economisti, esperti in relazioni internazionali.

Questa la formula di Ad/ventura: contenuti originali, nuovi spazi virtuali e tantissimi compagni di viaggio ogni anno. Un network formato da sempre più partner scientifici e culturali, istituzioni e science centre, che ha permesso, nei venti anni di attività complessivi, di raggiungere migliaia di partecipanti.

Ora tutto è pronto: 35 progetti degli studenti, un panel ricco di prestigiosi incontri, ma anche spettacoli e altri eventi nei quali scienza, arte e divertimento si intrecciano a creare promettenti sinergie.

A tutti coloro - e sono tanti - che hanno profuso energia ed entusiasmo nella creazione di questa ventesima, straordinaria edizione, va il mio personale ringraziamento. Al pubblico invece rivolgo l’invito a partecipare numerosi, affezionati e attenti.

Il Festival Ad/ventura è di tutto il territorio, siete i benvenuti.

Rosa Lo Sasso