"Il Borgo", gli alunni della Spataro in vista al Comune di Casalbordino

L’assessore e i docenti hanno sottolineato l’importanza di accrescere il senso di appartenenza alla comunità

Cultura
Vasto giovedì 04 aprile 2019
di La Redazione
Più informazioni su
"Il Borgo", gli alunni della Spataro in vista al Comune di Casalbordino © Spataro Casalbordino

CASALBORDINO. Nella mattinata di mercoledì 3 aprile, gli studenti dell’ITE di Casalbordino, accompagnati dai loro insegnanti, hanno fatto visita al Comune nell’ambito del ProgettoIl Borgo”.Gli alunni sono stati accolti dall’Assessore alla Cultura, alla Pubblica istruzione, alle Politiche Sociali e Sport, Carla Zinni, presso la Sala Consiliare del Palazzo municipale.La giornata è stata l'occasione per spiegare le funzioni ed il ruolo del Comune nel sistema dell’ordinamento pubblico, nonché del funzionamento degli uffici più importanti.

Si è trattato di un incontro molto importante per la scuola e per gli alunni, all’ interno di un progetto scolastico, che punta ad accrescere il senso civico dei giovani, attraverso un avvicinamento ed un "riconoscimento reciproco" tra società civile ed istituzioni”. L’assessore e i docenti hanno sottolineato l’importanza di accrescere il senso di appartenenza alla comunità e favorire la creazione di una mappa mentale dei servizi esistenti, finalizzata a facilitarne l’accessibilità. Educare alla cittadinanza e alla partecipazione, non è solo un’esigenza disciplinare della scuola e un'esigenza normativa, ma costituisce anche una garanzia di sviluppo della democrazia, che dovrebbe cominciare a partire dai cittadini più giovani.

Fare partecipare e far conoscere ai ragazzi la loro comunità rappresenta, dunque, un “investimento sociale” di rilievo significativo. Processi di coinvolgimento e di educazione alla cittadinanza, facilitano lo sviluppo di cittadini più competenti e più disposti a partecipare alla gestione delle cose pubbliche. Si aumenta, così, la responsabilità civica dei giovani, nonché il loro senso di appartenenza alla comunità.

GLI ALUNNI DELL’ITE DI CASALBORDINO