Inaugurata la personale contemporanea di Costanzo D'Angelo: "69 scatti dei giorni del lockdown"

Cultura
venerdì 31 luglio 2020
di Lea Di Scipio
"Risvegli", la personale contemporanea del fotografo Costanzo D'Angelo © Lea Di Scipio

VASTO. Costanzo D'Angelo, fotografo di origini molisane ma vastese d'adozione, è diventato di recente "virale" sui social.

Il motivo è uno scatto da lui realizzato tra i vicoli vastesi in quarantena. Un momento di "vicinanza sociale" immortalato dal suo occhio sensibile ed attento. Il passaggio di un vassoio di caffè tra "dirimpettai di finestre" reso immortale e particolarmente significativo nel periodo di emergenza mondiale. Ed è proprio per questa ragione che "Risvegli all'italiana" ha riscosso successo non solo nel nostro Paese, ma anche all'estero. E a questo abbiamo già dedicato una pagina del nostro giornale (Leggi).

E Costanzo proprio oggi, venerdì 31 luglio, torna a mostrare le sue opere nella personale contemporanea dal titolo, appunto, "Risvegli".

"L'idea nasce dall’esperienza del lockdown che è durato 69 giorni e altrettanti sono gli scatti che ho esposto. Le foto sono ispirate al viaggio di documentazione di questo difficile momento di emergenza. Dedico la mostra ai miei figli e ai miei genitori che oggi festeggiano il loro anniversario di matrimonio", racconta D'Angelo.

Una mostra, inoltre, all'insegna della solidarietà, il ricavato della vendita del catalogo sarà donato alla Mensa della Caritas di Vasto.

È possibile visitarla fino al 14 agosto dalle 18 alle 24 presso la Biblioteca Mattioli di Corso de Parma.