Il 4 agosto Remo Rapino presenta il suo romanzo

"Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio"

Flash News
sabato 01 agosto 2020
di La Redazione
Remo Rapino
Remo Rapino © Personale

VASTO. Martedì 4 agosto in piazza Barbacani, alle ore 21:30, secondo appuntamento dell'iniziativa SCRITTORI IN PIAZZA 26ma edizione con Remo Rapino e il suo romanzo: "Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio" ed.Minimum Fax. Loris Di Edoardo dialoga con l'autore. VI ASPETTIAMO!

Remo Rapino è stato insegnante di filosofia nei licei. Vive a Lanciano. Ha pubblicato i racconti Esercizi di ribellione (Carabba 2012) e alcune raccolte di poesia, tra cui La profezia di Kavafis (Moby-dick 2003) e Le biciclette alle case di ringhiera (Tabula Fati 2017).

Finalista al Premio Napol

Finalista al Premio Campiello

Finalista al Premio Subiaco Città del Libro

Finalista al Premio Letterario Città di Rieti Centro d'Italia

Candidato al Premio Strega

Vincitore del Premio Cielo d'Alcamo per il miglior excipit

Liborio Bonfiglio è una cocciamatte, il pazzo che tutti scherniscono e che si aggira strambo e irregolare sui lastroni di basalto di un paese che non viene mai nominato. Eppure nella sua voce sgarbugliata il Novecento torna a sfilare davanti ai nostri occhi con il ritmo travolgente e festoso di una processione con banda musicale al seguito. Perché tutto in Liborio si fa racconto, parola, capriola e ricordo: la scuola, l'apprendistato in una barberia, le case chiuse, la guerra e la Resistenza, il lavoro in fabbrica, il sindacato, il manicomio, la solitudine della vecchiaia.

A popolare la sua memoria, una galleria di personaggi indimenticabili: il maestro Romeo Cianfarra, donn'Assunta la maitressa, l'amore di gioventù Teresa Giordani, gli amici operai della Ducati, il dottor Alvise Mattolini, Teté e la Sordicchia... Dal 1926, anno in cui viene al mondo, al 2010, anno in cui si appresta a uscire di scena, Liborio celebrerà, in una cronaca esilarante e malinconica di fallimenti e rivincite, il carnevale di questo secolo, i suoi segni neri, ma anche tutta la sua follia e il suo coraggio.

Attraverso il miracolo di una lingua imprevedibile, storta e circolare, a metà tra tradizione e funambolismo, Remo Rapino ha scritto un romanzo che diverte e commuove, e pulsa in ogni rigo di una fragile ma ostinata umanità, quella che soltanto un matto come Liborio, vissuto ai margini, tra tanti sogni andati al macero e parole perdute, poteva conservare.

"Uno dei più bei libri che abbia mai letto. Un libro da conservare gelosamente." (Una lettrice)