"Aiuti una tantum a liberi professionisti, oltre la metà dei richiedenti è fuori per mancanza fondi"

m5s lun 06 dicembre

Quaresimale: "Già stanziati 4,2 milioni, l’impegno è a finanziare il maggior numero di istanze"

Flash News di La Redazione
3min
Soldi, foto d'archivio ©Business Online
Soldi, foto d'archivio ©Business Online

ABRUZZO. “Ancora una volta Regione Abruzzo promette con le parole, ma poi i fatti tardano ad arrivare. È il caso dell’Avviso per le sovvenzioni una tantum destinato a lavoratori autonomi e liberi professionisti che nonostante l’approvazione, avvenuta ormai a metà 2021, si trova ancora in alto mare, con graduatorie provvisorie e una copertura finanziaria assolutamente insufficiente. Un modus operandi a cui ormai il centrodestra in regione Abruzzo ci ha abituato. E mentre i lavoratori aspettano non è chiaro quando questi fondi 2021 saranno erogati e, cosa che più mi preoccupa, dai conti effettuati sembra che, a fronte delle 6mila istanze presentate dai professionisti e autonomi, più della metà non saranno erogate per mancanza di liquidità. Sarebbe davvero grave se si continuasse a illudere i lavoratori abruzzesi con promesse che poi non verranno mantenute”. Ad affermarlo è il Vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari che spiega nel dettaglio: “Carte alla mano si evince che è stato stanziato un importo pari a 4.140.034,00, per erogazioni una tantum da dividere in importi pari a 2.000,00 euro a domanda, elevabile ad € 4.000,00 con presenza di almeno 1 dipendente assunto a tempo indeterminato.

Di questi 4 milioni circa, 3.140.034,00 sono destinati alle sovvenzioni per lavoratori autonomi e 1 milione a sovvenzioni per liberi professionisti. Le istanze presentate dai richiedenti sono circa 6.000, e secondo il criterio utilizzato, di queste sono state ammesse a finanziamento solo 2214 istanze. Dai nostri conti delle domande ammesse, però, ben 156 istanze non saranno finanziate per esaurimento dei fondi. A queste “escluse” si devono aggiungere quelle non entrate neanche in graduatoria sempre per mancanza di fondi, così si raggiunge un totale di circa 3.319 domande lasciate a bocca asciutta.

Numeri – incalza Pettinari – che rappresentano un fallimento totale dal punto di vista degli aiuti ai lavoratori che si traducono, per oltre 3mila abruzzesi e quindi 3mila famiglie, in una vera e propria mannaia sulle economie familiari. È indispensabile che l’Assessore Quaresimale con delega alle politiche del lavoro velocizzi immediatamente le procedure per stilare una graduatoria definitiva e contestualmente venga incrementato il fondo con altri 5 milioni di euro, al fine di soddisfare tutte le domande pervenute a Regione Abruzzo. Non è più possibile ascoltare discorsi di sedicenti salvatori della Patria quando nei fatti abbiamo famiglie intere che chiedono aiuti e la Regione non è in grado di tendere una mano per mancanza di fondi e per lentezza nella macchina burocratica. Poche risorse, ed erogate lentamente, non è certo la soluzione da contrapporre a una crisi economica che corre veloce e che sta mettendo in seria difficoltà proprio quei lavoratori autonomi che non possono contare sulla sicurezza di un’entrata fissa mensile. Noi continueremo a chiedere che ogni centesimo della Regione sia usato lì dove più ce n’è bisogno, come in questo caso. Se il centrodestra può fare la differenza per chi ha bisogno è il momento che lo faccia con i fatti, le parole non servono più a nessuno” conclude.

“A chi lamenta che, in relazione al bando Sovvenzioni una tantum, non avremmo esaurito tutte le istanze pervenute, rispondo, innanzitutto, che non potevamo conoscere, a monte, il numero complessivo delle richieste. Nonostante ciò, abbiamo stanziato ben 4 milioni e 200mila euro e l’impegno è ora quello di arrivare soddisfare il maggior numero possibile di istanze tanto è vero che siamo al lavoro per reperire ulteriori fondi”. E’ la replica dell’assessore al Lavoro, Pietro Quaresimale, nei confronti del vice presidente del Consiglio regionale, Domenico Pettinari.
“Intanto, posso assicurare – ha confermato l’assessore – che, a gennaio, i fondi a disposizione saranno erogati ai destinatari, lavoratori autonomi e liberi professionisti, visto che, in appena tre mesi, è stata completata l’istruttoria nonostante siano pervenute agli uffici regionali la bellezza di 6mila istanze. Riguardo, poi, alla pubblicazione sul BURAT della graduatoria provvisoria, – ha aggiunto Quaresimale – si tratta di un falso problema poiché questa provvisorietà dura appena dieci giorni, il tempo necessario, previsto dalla normativa, per consentire le controdeduzioni all’esito delle quali, entro fine dicembre, verrà pubblicata la graduatoria definitiva. Poi si passerà direttamente alla liquidazione delle somme.  In ogni caso, entro i primi mesi del 2022, l’Autorità di Gestione – ha concluso l’assessore – ci metterà a diposizione risorse per ulteriori 4,5 milioni di euro”.

Vastoweb.com Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 01/2009 del 9/01/2009 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Nicola Montuori

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Vastoweb.com. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione