Covid-19, Febbo: "Un terzo delle imprese rischia la chiusura in Abruzzo"

Assessore: "Finanziamenti a fondo perduto Ue unica via d'uscita"

Lavoro ed economia
sabato 28 marzo 2020
di La Redazione
Operai
Operai © Web

ABRUZZO. Nell'emergenza coronavirus preoccupazioni vengono espresse dall'assessore alle Attività produttive della Regione Abruzzo Mauro Febbo in tema di sistema delle imprese.

"Le previsioni parlano di chiusure di attività tra il 30 e il 35 per cento". Febbo ricorda che la Regione ha messo in campo alcune iniziative per sostenere le Pmi travolte dalla pandemia: blocco del pagamento delle imposte e delle tasse; rinvio dei pagamenti di mutui e finanziamenti gestiti da Abruzzo Sviluppo e Fira; proroga della scadenza dei bandi emessi, rinvio delle rendicontazioni dovute dalle micro imprese alla Fira. L'assessore ha anche annunciato che è in corso di valutazione e definizione in Commissione Ue l'istituzione di finanziamenti a fondo perduto per la perdita del volume di affari di tutte quelle imprese che dovranno essere sostenute nella ripresa dell'attività, definendo la proposta come "l'unica via di uscita". (FONTE ANSA).