Turismo, di Michele Marisi: “Vasto sta perdendo occasione per rimettere in moto economia”

Il Segretario di FdI: “Città a due velocità: imprenditori in moto per ripartire, Amministrazione ferma”

Lavoro ed economia
lunedì 25 maggio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Spiaggia a Vasto Marina, foto d'archivio
Spiaggia a Vasto Marina, foto d'archivio © Vastoweb

VASTO. “Giugno è praticamente arrivato. Non sarà una stagione turistica come le altre, ma Vasto sta perdendo l’occasione per avere una stagione turistica meglio di altre città. Noi, un turismo col distanziamento sociale, possiamo farlo: per l’estensione ampia del territorio, per la moltitudine di spiagge, per le riserve, le piste ciclabili. E un’estate così, potrebbe rappresentare una boccata d’ossigeno per l’economia locale, da tempo sofferente e aggravata dall’emergenza Covid-19”. Ad affermarlo è il segretario cittadino di Fratelli d’Italia, Marco di Michele Marisi.

“Sembra, invece - ha proseguito - che questo tema non interessi all’Amministrazione comunale, che non solo non ha prodotto mezza idea e mezzo atto per promuovere la città, favorire l’arrivo di turisti, dare loro incentivi a sceglierci, ma non ha nemmeno recepito le proposte che da più parti sono arrivate per cominciare a far ripartire Vasto approfittando della stagione estiva. Al lavoro degli imprenditori turistici, dei ristoratori, degli esercenti in generale che tra difficoltà economiche e norme da rispettare stanno profondendo grande impegno per farsi trovare pronti, non corrisponde altrettanto impegno da parte dell’Amministrazione comunale che pare vivere su un altro pianeta” ha detto di Michele Marisi.

“Dopo la distribuzione dei buoni pasto, il vuoto. Niente incentivi, niente riduzione del costo dei parcheggi a pagamento, niente pacchetti turistici che potessero attrarre i forestieri. Zero. L’Assessorato al turismo è come se non ci fosse: remi in barca e ci vediamo nel 2021, sembra essere lo slogan. Avrebbe dovuto invece mettersi al lavoro con il doppio dell’impegno degli scorsi anni, perché se da una parte non è possibile la realizzazione di manifestazioni estive che concepiscano gli assembramenti, dall’altra - ha suggerito il segretario cittadino di Fratelli d’Italia - le risorse risparmiate avrebbero potuto, e potrebbero ancora, essere investite per la sospensione dell’obbligatorietà della tassa di soggiorno, per l’acquisto di ticket da distribuire ai turisti per l’utilizzo delle biciclette, per la realizzazione di un calendario alternativo di iniziative volte a far conoscere ed a frequentare luoghi di Vasto nei quali il distanziamento sociale è possibile, per la promozione della città. Invece niente. Una gestione commissariale - ha concluso di Michele Marisi - sarebbe stata più produttiva”.

Fratelli d’Italia - Vasto