In Sevel lavoratori contagiati in aumento, ora sono 37 i positivi: chiesta sospensione attività

Nelle ultime ore altre due casi: in lastratura e di un dipendente di una ditta esterna

Lavoro ed economia
giovedì 12 novembre 2020
di La Redazione
Sevel, operai con mascherine
Sevel, operai con mascherine © Omnifurgone.it

ATESSA. 37 lavoratori contagiati in Sevel, lo Sai Cobas chiede alla direzione ed alle autorità pubbliche preposte l’immediata sospensione dell’attività produttiva fino al ripristino di condizioni sanitarie adeguate a garantire la sicurezza ed incolumità degli operai.

Nelle ultime ore sono stati registrati 2 nuovi contagiati: un nuovo caso positivo, comunicato oggi in Ute 10C lastratura, assente dal 9 Novembre e di 1 dipendente di una ditta esterna (assente dal 10 Novembre) senza contatti stretti è risultato positivo. Per entrambi i casi trattasi di tamponi antigeni, di cui si è in attesa dei molecolari. Si procederà a sanificare le aree interessate durante il cambio turno.

Questa la lettera con la richiesta di sospensione della ripresa dell’attività lavorativa prevista per il 27 aprile nel sito Sevel e aziende collegate:

"La scrivente organizzazione sindacale come da precedenti comunicazioni formalizzatevi, che qui si ribadiscono in allegato (all.nl-n2-n3), in merito all'emergenza sanitaria che persiste e peggiora sul territorio regionale, sottoposto ad ulteriori restrizioni come da D.P.C.M. del 3 novembre 2020, richiede l' immediata sospensione dell'attività produttiva, al fine dì garantire la salute dei lavoratori attraverso adeguato screening sanitario ed evitare la diffusione del rischio epidemiologico sull'intero territorio.

Ciò premesso, e considerato il susseguirsi di comunicazioni, nonostante i protocolli vigenti, di operai positivi al Covid-19 appartenenti alla identica ute e collocati sul medesimo turno, come accaduto rispettivamente nelle unità operative Montaggio ute 3 turno C, Verniciatura ute 12 turno A, Lastratura ute 7 turno B, Finizione turno C e Logistica turno C,si richiede tempestivo ed opportuno riscontro ai destinatari in indirizzo, ciascuno per quanto di competenza e responsabilità.

Nel porgere distinti saluti si preannuncia, che in mancanza, la scrivente attiverà ogni idonea iniziativa a tutela della salute e dell'incolumità dei lavoratori nonché quella dell'intero contesto territoriale."

S.L.A.I. - Cobas Coordinamento prov.le di Chieti Giordano Spoltore