Semaforo di Vasto Marina: "La trappola perfetta della Giunta Menna e la difesa dell'indifendibile"

Vincenzo Suriani e Francesco Prospero presentano una interpellanza

Politica
venerdì 30 luglio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Semaforo ingresso sud di Vasto Marina
Semaforo ingresso sud di Vasto Marina © Vastoweb

VASTO. "Nella seduta del Consiglio Comunale di domani torneremo a parlare  della “Trappola Perfetta” concepita dalla Giunta Menna con l’istallazione del sistema di rilevamento del passaggio dei veicoli con il rosso presso il semaforo posto all’ingresso Sud di Vasto marina zona Park Hotel.  Infatti, rispetto al termine minimo previsto dalle circolari ministeri di tre secondi sulle strade con un limite di velocità di 50Km/h per il passaggio dal giallo al rosso, Menna & C.  hanno previsto un intervallo di 4 secondi, così da poter mettersi al riparo da eventuali ricorsi dei “poveri” automobilisti che sono e che verranno sanzionati.

 Detto comportamento legale dell’amministrazione Menna,  ma assolutamente immorale, è finalizzato più che a perseguire la sicurezza stradale a rimpinguare i conti in rosso del Comune di Vasto. Il Gruppo Consiliare di FDI, nel prossimo consiglio comunale, tornerà a chiedere l’aumento di almeno un secondo del passaggio dal giallo al rosso, nonché l’istallazione di un contasecondi accanto al semaforo, che metta nelle condizioni i conducenti dei veicoli di arrestare il proprio mezzo in sicurezza, nei pressi dell’incrocio, evitando il rischio di tamponamenti a catena. Siamo rimasti basiti” continuano i consiglieri “dell’intervento sulla stampa del Comandante dei Vigili Urbani e del dirigente preposto che, sostituendosi agli amministratori comunali che non hanno il coraggio di metterci la faccia, sono corsi in soccorso della  “Trappola Perfetta della Giunta Menna”, scaricando, come al solito, la responsabilità sulle circolari ministeriali e sulle direttive europee. Ai preparatissimi dipendenti comunali, chiediamo di ripassare la normativa di riferimento, dove si stabilisce che in presenza di traffico pesante, come nel nostro caso, è già prevista una durata di 4 secondi anche per le strade che hanno un limite di velocità di 50 km/h.

Inoltre, le stesse circolari citate dal Comandante e dal Dirigente, non vietano, in alcun modo, che i Comuni sui semafori di loro competenza possano prevedere intervalli di tempo, tra il giallo e il rosso, superiori ai quattro secondi, quando, come nel nostro caso, lo stato dell’intersezione e il  buon senso lo richiedono. Pertanto, chiediamo ai nostri solerti amministratori e agli stessi dipendenti comunali che sono intervenuti sull’argomento, di non difendere l’indifendibile e di attivarsi, viste anche le conseguenze pesanti che comporta il rilevamento di queste infrazioni, per mettere gli utenti della SS 16 nelle condizioni di poter arrestare i veicoli in sicurezza, istallando un contasecondi e aumentando l’intervallo tra il giallo e il rosso,  senza prendere multe ingiuste. Chissà se domani Menna & C. ci diranno quanto ha incassato, fino ad ora, il Comune di Vasto “grazie” a quel semaforo."

Così, in una nota stampa, Francesco Prospero  e Vincenzo Suriani.