Manifestazione Lega, Francesco Prospero: "Al voto entro la fine dell'anno"

"Quella del centrosinistra è una prepotenza istituzionale senza precedenti"

Politica
Vasto domenica 16 settembre 2018
di Federico Cosenza
Più informazioni su
Lega Vasto
Lega Vasto © Lega Vasto

VASTO. C'erano anche esponenti e simpatizzanti della Lega Vasto a Pescara in Piazza Unione per la seconda manifestazione in pochi giorni sul tema elezioni regionali in Abruzzo. Tra gli altri erano presenti Michele LaCanale, Sabrina Bocchino, Alessia Silla ed il consigliere comunale Francesco Prospero.

Quest'ultimo ha dichiarato: "Quella che si sta verificando è una prepotenza istituzionale senza precedenti da parte del centrosinistra, una mancanza di rispetto degli elettori e della nostra terra che hanno tutto il diritto di eleggere un nuovo governo al posto di quello dimissionario dell'ex presidente D'Alfonso. Le elezioni dovranno svolgersi entro la fine dell'anno. L'Abruzzo è in una fase di stallo e deve ripartire al più presto. E' stato bello vedere nuovamente il centrodestra unito davanti alla sede di Pescara del Consiglio Regionale e siamo certi che insieme riusciremo a dare una svolta per il nostro amato Abruzzo".

"Il nostro obiettivo -dicono dal movimento abruzzese di Salvini-, è stato quello di chiedere ancora una volta che l'Abruzzo torni al voto, secondo le regole stabilite dallo Statuto e dalla legge elettorale regionale. Abbiamo manifestato per ribadire che la democrazia, anche nella nostra regione, si rispetta consentendo ai cittadini di esprimere il loro giudizio su programmi e progetti, senza appellarsi alla burocrazia con il fine di stravolgere un percorso tracciato in maniera chiara e lampante: le elezioni devono essere convocate entro 90 giorni dallo scioglimento del Consiglio regionale."

Hanno partecipato al sit-in oltre la Lega anche esponenti di Forza Italia, Fratelli d'Italia, Nuova Democrazia Cristiana, Udc e liste civiche del centrodestra come: Nazario Pagano, Mauro Febbo, Fabrizo Di Stefano, Angela Bianco e per la Lega Giuseppe Bellachioma.