Castaldi: «400 milioni di euro per lavori nei Comuni sotto i 20 mila abitanti»

Il senatore: "Un cambiamento radicale per interventi di messa in sicurezza del territorio"

Politica
Vasto venerdì 11 gennaio 2019
di Federico Cosenza
Castaldi
Castaldi © Castaldi

VASTO. Sono tanti i Comuni sotto i 20 mila abitanti in Italia e in Abruzzo, e per loro c'è una importante novità. Con la "Manovra del Popolo" varata dal governo è stato attivato un finanziamento da 400 milioni di euro per cofinanziare piccole opere in settori vitali come l’edilizia pubblica, la manutenzione e la sicurezza del territorio, la manutenzione della rete viaria, la prevenzione del rischio sismico e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali.

In particolare viene introdotto un contributo di 40mila euro per i comuni fino a 2 mila abitanti, di 50mila euro per quelli fino a 5mila abitanti, di 70mila euro per i comuni fino a 10mila abitanti e di 100mila euro per quelli fino a 20mila abitanti. Questi contributi andranno a coprire fino al 50% dell’importo delle opere realizzate.

Su questo provvedimento Gianluca Castaldi ha affermato: "L'attenzione verso piccoli comuni è un tema che mi sta particolarmente a cuore, tanto è vero che nella passata legislatura avevo presentato un disegno di legge proprio su questi. Sono felicissimo che nella "Manovra del Popolo" ci sono 400 milioni di euro per realizzare opere pubbliche di messa in sicurezza delle infrastrutture. Si tratta di un cambiamento radicale e da anni non si vedeva un investimento pubblico così importante. Risorse preziose per i tanti piccoli centri che hanno sempre la coperta corta per intervenire sulla sicurezza di strade, scuole e beni del patrimonio comunale. I Comuni beneficiari sono quelli sotto i 20 mila abitanti, in Abruzzo sono circa 400 i Comuni sotto questa soglia. Abbiamo messo in campo una grande occasione da non perdere. Saremo rigidi sulla qualità degli interventi finanziati, opere nuove e aggiuntive rispetto a quelle delle programmazioni regionali. La data di partenza dei lavori è il 15 maggio, metà soldi all'avvio dei cantieri e l'altra metà dopo la trasmissione della certificazione di collaudo da parte del direttore dei lavori. Con questo sistema di controllo garantiamo lavori sicuri, regolari e svolti dentro scadenze certe con pena dei contributi versati se non rispettate le regole. A questo punto i sindaci dei piccoli Comuni devo darsi da fare immediatamente".

GUARDA IL VIDEO: