Lapenna: «Aumento tassa di soggiorno per dare più servizi alla collettività»

"Dopo tre anni la Giunta Menna apporta un limitato aumento per la sola tassa di soggiorno e che non colpisce i residenti"

Politica
Vasto giovedì 14 marzo 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Luciano Lapenna
Luciano Lapenna © Vastoweb.com

VASTO. E' scontro tra minoranza e maggioranza sull'aumento del 30% della tassa di soggiorno.

Per il Pd: "Le opposizioni in Consiglio Comunale gridano allo scandalo per il modestissimo aumento della tassa di soggiorno decisa dalla Giunta comunale con la delibera n. 54/2019.

Rileviamo che in questi ultimi anni (a differenza di tutti i Comuni italiani), a Vasto non si sono apportati aumenti di imposte e/o tasse, nonostante le difficoltà che incontra ogni Comune nel far quadrare i bilanci per l'assenza di ogni trasferimento dallo Stato o dagli Enti sovracomunali.

Dopo tre anni, la Giunta Menna, apporta un limitato aumento per la sola tassa di soggiorno, che non colpisce i residenti, con le tantissime esenzioni già fissate nel regolamento.

Invitiamo ancora una volta, gli attenti oppositori, a guardare i bilanci delle amministrazioni del loro colore politico e del costo delle tariffe in quei Comuni, a partire dalla tassa di soggiorno.

Ricordiamo che, nonostante i tagli sopra ricordati, i servizi offerti ai cittadini sono aumentati e migliorati mentre le tariffe sono rimaste invariate, con eccezione del limitato ritocco apportato alla tassa di soggiorno operata, come già precisato dal Sindaco Menna, per dare più servizi alla collettività.

Nei prossimi giorni ci confronteremo nelle commissioni sull'argomento per dimostrare l'opportunità del piccolo ritocco, per confermare e, se possibile, migliorare i servizi al turismo."

Così, in una nota stampa, Luciano Lapenna Consigliere Comunale e Segretario PD Vasto