Cerella, Paolucci presenta una interpellanza in Regione

"Quali quali azioni la Giunta Regionale intende porre in essere per salvaguardare la Società Cerella S.r.l. con i suoi lavoratori, nonché la totalità dei servizi da essa erogati?"

Politica
Vasto martedì 17 settembre 2019
di La Redazione
Crisi Cerella Srl, il consiglier Paolucci presenta una interrogazione
Crisi Cerella Srl, il consiglier Paolucci presenta una interrogazione © Vastoweb

VASTO. "Quali quali azioni la Giunta Regionale intende porre in essere per salvaguardare la Società Cerella S.r.l. con i suoi lavoratori, nonché la totalità dei servizi da essa erogati?", è questo in sintesi quello che chiede il consigliere regionale Silvio Paolucci in una interpellanza presentata in data odierna

IL TESTO DELL'INTERPELLANZA:

"Premesso che la società TUA S.p.A. Unipersonale è società a capitale pubblico interamente controllata dalla Regione Abruzzo ed affidataria, in regime di in house prooiding, dei servizi di trasporto pubblico e come tale soggetta al controllo analogo della Regione Abruzzo; Dato atto che la società Autoservizi Cetella S.r.l., partecipata al 80,06% da TUA S.p.A., esercita servizi di trasporto pubblico locale su gomma in concessione regionale, con un programma di esercizio che prevede uno sviluppo chilometrico di 1.735.711,42 km oggetto di contribuzione regionale;

Dato atto, altresì, che la società svolge tali servizi, con una flotta di 43 autobus, lungo direttrici essenziali della regione sia della costa che nelle aree interne, in ambiti territoriali particolarmente complessi dal punto di vista geomorfologico ed Tenuto conto che, nel corso dell'esercizio 2018, sono intervenuti nella gestione della società Autoservizi Cerella S.r.l. una serie di fatti che hanno modificato il quadro gestionale aziendale, provocando squilibri tali da compromettere la struttura patrimoniale e la sostenibilità economica dell'azienda nel breve e medio periodo;

Considerato che i fatti di maggiore rilevanza che hanno provocato tali sofferenze di bilancio sono da attribuirsi: 1-alla condanna inflitta dal Tribunale Civile di L'Aquila con sentenza n. 276 del 29 marzo 2018 - nel respingere il ricorso ex art. 702/ bis c.c. del 30.10.2014 proposto dalla Autoservizi Cerella S.r.l. contro la Regione Abruzzo per vedersi riconosciuti i conguagli a saldo delle erogazioni calcolati a norma della L.R. 9 settembre 1983, n. 62 per i servizi prestati nel periodo 2004/2012 - al pagamento, a favore della Regione Abruzzo, della somma di € Contro la citata sentenza la società con atto del 18.06.2018, notificato in data 28.06.2018, ha proposto ricorso in Appello e, su apposita domanda di sospensione ex art. 351 c.p.c., ha ottenuto dal Tribunale dell'Aquila l'Ordinanza di sospensione dell'efficacia esecutiva della medesima.

II procedimento risulta pertanto ancora sub judice; 2-al corrispettivo pagato fino a! 31-12-2018 dal concedente alla società Autoservizi Cerella per i servizi erogati basato su un contributo chilometrico particolarmente penalizzante la società, per il quale la Regione Abruzzo negli anni trascorsi ha avviato il procedimento di ricalcolo dei contributi chilometrici corrisposti ai concessionari del trasporto pubblico locale utilizzando una differente metodologia, applicata a decorrere dal 1 gennaio 2019; Rilevata che tali circostanze gestionali hanno determinato, oltre a squilibri economici, anche crisi di liquidità per le quali la società Autoservizi Cerella S.r.l., dopo aver fatto ricorso alle anticipazioni bancarie cd al credito (sia ordinario che straordinario), ha rappresentato alla Regione Abruzzo le proprie difficoltà tali da pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi in concessione; Evidenziato che Ee difficoltà sopra citate erano tali non poter più sostenere le spese gestionali necessarie a garantire il livello di manutenzione dei vcicoli ed il regolare pagamento delle retribuzioni dei lavoratori;

Sottolineato che, nel corso della riunione del 7.12.2018, appositamente convocata, l'allora Consigliere delegato ai trasporti ha manifestato la volontà della Regione Abruzzo di superare le problematiche aziendali, al fine di assicurare la continuità dei servizi di trasporto ed il regolare pagamento delle retribuzioni dei lavoratoti;

Richiamata la Deliberazione della Giunta regionale del 15.12.2018, n. 980, con la qualc 1a Regione Abruzzo ha dato mandato di Deliberare nell' Assemblea dei Soci di TUA S.p.A. la ricapitalizzazione della società partecipata Autoservizi Cerella S.r.l. per euro 500.000,00;

Dato atto che, con Verbale dell'Assemblea dei Soci di TUA S.p.A. del 19.12.2018, n. 2, è stata deliberata la ricapitalizzazione della società partecipata Autoservizi Cerella per euro 500.000,00, per l'aumento del capitale sociale ed il ripianamento delle perdite;

Tenuto conto che tale tempestiva -iniziativa ha consentito alla società Autoservizi Cerella S.r.l. di assicurarc la continuità dei servizi di trasporto ed il regolare pagamento delle retribuzioni dei lavoratori; Viste le preoccupanti dichiarazioni del Presidente di TUA Gianfranco Giuliante, riportate dal quotidiano il Centro del 1192019, attraverso le quali sostiene che "La società di trasporto pubblico Ceretla di Vasto rischia di andare in liquidazione.

E i suoi 60 dipendenti rischiano il posto. Il presidente della società regionale unica di trasporto Tua, azionista di Cerelia, Gianfranco Giuliante, definisce quest'ultima società tecnicamente in default". Malgrado sia stata ricapitalizzala a dicembre del 2018 dalla Regione, con "un'iniezione" da 500mila euro Considerata la crescente preoccupazione delle Organizzazioni sindacali e di tutti i lavoratori circa il futuro dell'azienda; Pescara alla luce delle dichiarazioni del Presidente della Tua S.p.A. e per le premesse riportate in narrativa il sottoscritto Consigliere della Regione Abruzzo Silvio Paolucci interpella il Presidente della Giunta Regionale, Sen. Marco Marsilio, ovvero l'Assessore competente per conoscere: quali azioni la Giunta Regionale intende porre in essere per salvaguardare la Società Cerella S.r.l. con i suoi lavoratori, nonché la totalità dei servizi da essa erogati."