Evviva San Nicola, poesia dialettale abruzzese

A cura di Luigi Fecondo

sabato 01 maggio 2021
di La Redazione
Pollutri festa di San Nicola
Pollutri festa di San Nicola © Vastoweb

POLLUTRI.  San Nicola è patrono di numerose città italiane e del mondo. Si festeggia a Bari dove troviamo il santuario principale a lui dedicato, ma San Nicola si festeggia quasi anche in ogni città, borgo, contrada e direi persino in ogni casa d'Abruzzo. Questa la poesia a cura di Luigi Fecondo. 

Evviva Sanda Nicole
*
A lu bbell paisene me, in Abbruzzo, ji'è sempre feste tutta l'anne..
Ma la festa cchiù bbell' e cchiù spiciale, ca' ni finisce maijie,
Ji'è sicuramende la festa didicate al nostro patrono Sanda Nicole.
Vescovo di Myra in Licia e confessore.
Protettore di marinai perché placò le onde del mare in tempesta.
E protettore anche di li scularitte perché salvò tre quatrarille
caduti in mano al feroce oste macellaio,
ca’ li vuleve sirvì pi cen’ e pi pranze,
ma che, graziji' a Dí, dopo il miracolo del santo,
si convertì anch’egli a la Madonn' e a la comuniona di tutte li santi.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
A la fene di nuvembre di ugn'anne,
Purtame mbrucission' a la chiesa del Santissimo Salvatore di Pollutri,
La statua in argento del XVIII secolo didicate proprjie a Sanda Nicole.
Statua custodita a lu strette di lu Barone da don Carlo,
Grande amico e devoto 
Di lu nostre prutittore San Nicola,
Ca' tanda miracule ha prudigate pi la genda se...
Ca' ugge si festeggia pi lu monn'ndere.
*
A lu 5 di dicembre dapù invece,
S'appiccine li fuche sott’ a tanda callarune 
Pi la cutture di li fave
Na tradizzione siculare.
Lundane quasi 1000 anni.
In memoria di lu miracule,
lu cchiù grand’ e lu cchiù mburtande
Del nostro amato San Nicola:
Pi sfamá l'indera pupulazziona
Che appress' a na caristijie 
Oramai di fame murive.
*
Anche se, a li jurna nustre,
Tutta la gend ca', grazije a Dijie,
magne bbone tutte li jiurne,
E vive dendr' a la grascjie
E a la pezzile di cace, 
E nghi la panze, sempr’abbuttate,
Li fave di Sanda Nicole, 
Li magnine come cundorn’ a la porchetta,
E altro ben D'Iddjio.
E, pi furtune, pure pi bbona divuzione… proprie a Sanda Nicole.
*
E durande li jiurne di la sanda nuvene,
di fine aprile e culmin' a la prima domenica di maggio,
Tutte lu paese s'arverse dendr' a la chiese.
Gruss' e piccirille,
Anzjian’ e giuvinutte,
Di ugn' e grad' e di ugn' età.
Ciascuno per chiedere la propria grazia,
Perché Sanda Nicole non tradisce mai,
Ma non soddisfa li capricci e le vanità!

E chille nghi li dinda bbune,
Hanno un piede già fuori dalla chiesa
Che appena sparine lu murtaijie, dal grande botto,
Ca' signale la fene di la nuvene,
Già so' dendr' a la Casa d' Sanda Nicole.
E senza pinzer' e nghi la panza vudde 
E nghi l'appitete sane,
Trionfanti e ricolmi di giojie,
Magnine pi la vianove 
Li taralle biniditte di sanda Nicola.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
È rruate lu jurne di li some,
Nicissarijie pi fa da magna'
A li pilligren' e pur' a la cummissione,
ca' ugn' e tant però, ni 'ngapisc’ aricale,
E pripare jiuste cacche cusarelle:
Bicchinutt' e dugge di ugne sorte,
Ndrucciulune, tarall' e tarallucce,
Nicissarijie pi sfamá lu monn'ndere.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
Ed ecco il nostro caro Alduccio
Con le commare nghi la cesta
Sopra ogni testa,
Che si avvicinano al grande evento…
*
Da lu balicone di la Reggia di don Pompeo del Re,
Di frond' a lu belvedere di lu paese,
Pi lu lange di li taralle,
N'avvenimend' assajie particulare,
So arivinute pur li pullutrese 
Cchiù mburtande…
Ma... Tanghe, tinghe e tonghe,
Ca' jiust’ a la cocce di cumb'Andoniji' ambrisate.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
E mendre la bande son' a feste,
Cumb'Andonijie, nghi na fasciatur'ambruvvisate,
E ngumbagnijie di faf' e buttijie di vene,
E angor' ndundite da la botte,
S'aripasse canticchianne l'inno al nostro Santo protettore 
e potente intercessore verso Dio nostro Signore,
Affinché c'aiuti a superare
Anche questo momento di grande difficoltà 
e di mera fazzità.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
Luigi Fecondo
*
*
Traduzione in lingua italiana,
*
Evviva San Nicola di Bari
e la tradizione dei taralli, pane e vino
*
Nel mio bel borgo, in Abbruzzo, è festa tutto l’anno,
Ma la festa più importante e speciale, che non finisce mai,
E’ sicuramente la festa dedicata al nostro protettore San Nicola.
Vescovo di Myra in Licia e confessore.
Patrono di marinai perché placò le onde del mare in tempesta.
E patrono anche di li scolari perché salvò tre bambini
caduti in mano al feroce oste macellaio,
Che voleva servirli ai propri clienti per cena e per pranzo.
ma che, grazie a Dio, dopo il miracolo del santo,
si convertì alla Madonna e a alla comunione di tutti i santi.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
All fine di novembre di ogni anno,
In processione portiamo in processione presso la chiesa del Santissimo Salvatore di Pollutri,
La statua in argento del XVIII secolo didicato proprio a Sanda Nicola.
Statua custodita presso la bellissima casa del Barone da don Carlo,
Grande amico e devoto 
Del nostro protettore San Nicola,
Che, per tutti i miracoli che ha fatto per il suo popolo,
Oggi, San Nicola, è festeggiato dappertutto e ne mondo intero.
 *
Alla sera del 5 di dicembre poi,
Si accendono i fuochi sotto tanti grandi pentoloni
Per cuocere le fave.
Una tradizione secolare
Lontano quasi 1000 anni.
In memoria del miracolo
Più grande e importante
Del nostro amato San Nicola:
Per sfamare l’intera popolazione,
Che dopo una brutta carestia
Oramai morivano di fam
*
Anche se, ai giorni nostri,
Tutta la gente, grazie a Dio, mangia bene tutti i giorni.
E vive dentro l’abbondanza
E sotto una campana di vetro
Con la pancia sempre piena.
Quindi le fave di San Nicola, 
Le mangiano come contorno con la porchetta 
E altro ben di Dio.
E, per fortuna, anche per buona devozione a San Nicola.
*
E durante i giorni della Santa Novena, di fine aprile
Che chiude con la prima domenica di Maggio,
Tutto gli abitanti del paese si riversa dentro la chiesa SS Salvatore.
Grandi e piccoli,
Anziani e bambini
Di ogni grado e vissuto religioso e di ogni età.
E, soprattutto i bambini, quelli con i denti buoni
Hanno un piede già fuori dalla chiesa
Perché appena finisce la Santa Novena.
Già sono dentro la Casa d' San Nicola.
E senza pensieri e con la pancia vuota 
E con una fame da lupi e buon gusto,
Trionfanti e ricolmi di gioie
Mangiano e si gustano per le vie del borgo,
I gustosi taralli e benedetti di San Nicola.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
È arrivato finalmente il giorno delle some,
Necessario per fare da mangiare ai pellegrini ed anche alla comitato festa,
Che però, ogni tanto sbaglia ed esagera con le proporzioni,
E finisce per preparare tutto in abbondanza:
Bocconotti e tantissimi dolci,
Pasta, taralli e tarallucci,
Che potrebbero sfamare il mondo intero.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
Dal balcone della Reggia di don Pompeo Del Re.
Di fronte al belvedere del paese,
Per il lancio dei taralli,
Un avvenimento così particolare
Che tornano nel borgo anche i pollutresi più impotanti.
Ma... Tang, ting e tong
Che un tarallo va a colpire giusto la testa del povero compare Antonio.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
*
E mentre la banda suona
Compare Antonio, con una fasciatura improvvisata,
Ancora con la testa intontita dalla botta forte,
Mentre mangia fave e beve vino,
Canticchia ad alta voce l'inno al nostro Santo protettore 
e potente intercessore verso Dio nostro Signore,
Affinché c'aiuti a superare
Anche questo momento di grande difficoltà 
e di mera fazzità.
Sempre vivo nei nostri cuori
Evviva, evviva San Nicola.
Luigi Fecondo
*
#sannicola #festasannicola #pane #tarralli #fave
*
*
A San Nicola
(Testo di G. Fecondo - Musica di N. Scampoli)
*
S'alzi un inno al tuo nome glorioso,
pien di fede, di speme e d'amore.
*
Salga a te il sospir d'ogni cuore,
Padre buono, soave Pastore.
*
San Nicola, il tuo popolo t'invoca,
volgi il guardo benigno quaggiù.
*
Della vita, nell'ardua lotta,
ci sostieni e ci guidi a Gesù.
Mastro Giuseppe Fecondo
*
*
Translation into English
*
Long live St. Nicholas of Bari
and the tradition of taralli, bread and wine
*
In my beautiful village, in Abruzzo, there is a party all year round, 

But the most important and special party, which never ends, 

It is certainly the festival dedicated to our patron Saint Nicholas. 

Bishop of Myra in Lycia and confessor. 

Patron saint of sailors because he calmed the waves of the stormy sea. 

He is also the patron saint of schoolchildren because he saved three children 

fallen into the hands of the ferocious butcher innkeeper, 

That he wanted to serve them to his customers for dinner and lunch. 

but that, thank God, after the saint's miracle, 

he converted to the Madonna and to the communion of all saints. 

Always alive in our hearts 

Long live, long live St. Nicholas. 

*
At the end of November each year, 

In procession we carry in procession to the church of the Santissimo Salvatore di Pollutri, 

The 18th century silver statue dedicated to Sanda Nicola. 

Statue kept at the beautiful house of the Baron by Don Carlo, 

Great friend and devoted 

Of our patron Saint Nicholas, 

Who, for all the miracles he has done for his people, 

Today, St. Nicholas is celebrated everywhere and in the whole world. 

 * 

On the evening of December 6th then, 

Fires are lit under many large pots 

To cook the broad beans. 

A centuries-old tradition 

Almost 1000 years away. 

In memory of the miracle 

Of our beloved St. Nicholas: 

To feed the entire population, 

That after a bad famine 

By now they died of fam 

* 

Even if, nowadays, 

All people, thank God, eat well every day. 

And it lives within abundance 

And under a glass dome 

With the belly always full. 

So the fava di San Nicola, 

They eat them as a side dish with porchetta 

And more of God's good. 

And, fortunately, also for good devotion to St. Nicholas. 

*
And during the days of Santa Novena, at the end of April 

Which closes on the first Sunday of May, 

All the inhabitants of the town poured into the church of SS Salvatore. 

Big and small, 

Elderly and children 

Of all levels and religious backgrounds and of all ages. 

And, especially children, those with good teeth 

They already have one foot outside the church 

Because as soon as the Santa Novena ends. 

I am already inside the Casa d 'San Nicola. 

And without thoughts and with an empty stomach 

And with a wolfish hunger and good taste, 

Triumphant and full of joys 

They eat and taste in the streets of the village, 

The tasty taralli and benedetti of San Nicola. 

Always alive in our hearts 

Long live, long live St. Nicholas. 

* 

Some day has finally come, 

Necessary to feed the pilgrims and also the party committee, 

Which, however, sometimes errs and exaggerates with the proportions, 

And it ends up preparing everything in abundance: 

Bocconotti and lots of sweets, 

Pasta, taralli and tarallucci, 

That could feed the whole world. 

Always alive in our hearts 

Long live, long live St. Nicholas. 

* 

From the balcony of the Baron's Palace. 

In front of the town's belvedere, 

For the launch of taralli, 

Such a special event 

Even the most impotent people from Pollutra return to the village. 

But ... Tang, ting and tong 

That a tarallo just hits the poor man's head, Antonio appears. 

Always alive in our hearts 

Long live, long live St. Nicholas. 

* 

And while the band plays 

Antonio appears, with an improvised bandage, 

Still with the head stunned by the strong blow, 

While he eats broad beans and drinks wine, 

Sing aloud the hymn to our patron saint 

and mighty intercessor to God our Lord, 

To help us overcome 

Also this moment of great difficulty 

and of mere folly. 

Always alive in our hearts 

Long live, long live St. Nicholas.
Luigi Fecondo
*
*
*
To San Nicola
(Text by G. Fecondo - Music by N. Scampoli)
*
Arise a hymn to your glorious name,
full of faith, hope and love.
*
Let the sigh of every heart rise to you,
Good Father, sweet Shepherd.
*
St. Nicholas, your people invoke you,
look benign down here.
*
Of life, in the arduous struggle,
you support us and guide us to Jesus.
Mastro Giuseppe Fecondo
*