"La vizzoche", poesia dialettale abruzzese di Luigi Fecondo

domenica 18 luglio 2021
di La Redazione
Mani donna anziana
Mani donna anziana © Oggi Alto Chiascio

VASTO. Nel vissuto paesano abruzzese, quando ero ancora bambino, ho sempre visto la vizzoche come la donna sempre presente in quasi tutte le attività parrocchiali e della vita sociale del borgo di provincia. Capace di intromettersi in ogni ragionamento e indirizzare opinioni e storie intime e private di vicini e lontani, buoni e cattivi; fino a dare ripetizioni e sostegno a “li pittilazze di quartiere”… e "ha sempre creduto e crede ancora tutt'oggi, di stare dalla parte dei giusti e della verità, e con i soli ragionamenti, regole e ammonimenti, vuole salvare il mondo intero", con il rischio di travisare e ridurre l’antico proverbio in “Tutto il mondo è bizzoca”

La vizzoche
1.
La vizzoche di borgo o di pruvince, di solite, 
ere na femmina vicchjie,
nu poch' inacidite, brutt' e
nghi lu marite sante oppuramente mbaradise,
altrimenti la viveva senza suldate innammurate...
Nghi li dind' arfilate, anche se nu poche cariate, 
ma nghi na lenga longh' e suttile, 
e, lu cchiù di lì vodde, 
di cattiverie assetate...
Ca' la pittilazze di prufissijone
li ripitizijune i si prinutave.  

2.  

A di lu vere però, la vizzoche,   

cand' er' angore giovinetta,  

a maritarsi c'aveve pruvate,  

e a mettersi in mostra pure,  

in ugna circustanza…   

E pi stu mutive, di certo, n'aveve perse tempe.  

C'aveve pruvat' a ì pure lundane,  

a li paisene vicin' e dinturne per accasarsi.  

Ma lu distine ere signate,
ed ere proprjie quelle da rimanè zitella.  

Picché, a di lu vere, n'aveve truvate quell' juste:  

l'ommine ca' s'adatte a ugne situazijona e circustanze...  

L'ommine ca' ni jioche,
ni fum' e ni bev' e, soprattutto,
ca' ni mbreste quatrene,
- coma nu ver' e proprjie suprammobbile...
Vall' a capì...  

3.  

La vizzoche di cuntrada,  

ha sempre cridut' e cred' angore tutt'oggi,  

di stare dalla parte  

de li giusti e de li onesti.  

E nghi li sule discurse, regole e ammonimenti,   

vo' salvà lu monn'ndere.  

E la rialtà tutta,  

a ess' e soltand' a essa,   

sa da pijgà...  

4.  

Epperò mo', da vicchiarelle,
i si puteve cundà, a due mani,
tutti li passi, li mistieri e li chiacchiere
- chilla naquill' addavere -
di la jiurnate ndere.  

5.  

Passi ben divisi
tra la case pi magna' cacche cusarelle;
fa la masciate pi s'abbuscá cacchecose
nghi l'unginett' e li ricam' e, dopodiché,   

pi durmì nuccone nzanda pace.
- E ci credo, dope ca' s'asciacqualjiate
la vocche pi tutta la matinate...  

6.  

Altri emeriti passi infatti,   

li cundeve pi ì a lu spizijal' e
a la puteghe pi fa la spes' e
appurà, proprjie di chi sa legge lu giurnale,   

li nutizjie fresche fresche   

di lu paisene nder' e,  

p'aripassà, cundemporaneande,
l'abecedario dello spettegolezzo
con le altre brave, giudiziose commare.  

7.  

L'atre puche passi ca' i' arimanive,
erene contate pi ì a la chijse
pi divuzzijon' a la luntane tradizjion' e   

la comunità di li santi tutti...  

Ma, tra na prighira masticate in latinorum,  

struppijate, travisat' e maltrattate,   

ca' a sindì bbone, lu significate, ci mangave,  

e na gunfiature di pittigulizze,  

La sanda messe cundinuave...  

8.  

Ma alla fine,
li passi cchiù mburtandi di la jiurnate,  

ji' erane proprjie chille fatte subbite dopo   

la santa messe, fore da la chijse.  

Picché ji'erine li passi di la cundivisijone
ngumbagnije nghi l'atre vizzoche di lu paisine.  

9.  

Ca' simbrave, a primo sguardo e in apparenza,   

na semplicia prucissijone riliggiosa delle pie donne e...  

10.  

Tra nu cicì cicì ciciò e... mi si capite?   

e n'atre cicì cicì ciciò e sciambindett' a
chillu povere fiji' e... n'di so ditte nijente mo...
e cicì cicì ciciò, n' ariccundà a nisciune stu fatte..   

Ca' nu storme di rondini o di gabbiane
in cunfronto ndineve lu passe...  

11.  

E, nghi li trumbune a tutte fiate:  

Bobombobò bobombobò  

di respire, paus' e d'accumbagnamente  

e chilli sguardi forti e piene di culure,  

e li facce buffe e piene di fulklure,  

e lu mitingh' e ni mitinghe di la madra supiriora,  

nu ver' e proprjie ballimende
di la vizzoche vinive fore...  

12.  

Ma grazij' a Dij, ca' proprjie mezz' a
tutte chillu trambuste di suspire,
esclamazijune, esagerazjiun' e dicirie,  

truvavame sereno e maistoso, zisí Zupine.  

N’ommin’ arzille, allegro  

e nghi lu gomite sempr' arrizzate,
ma ora deciso a parlà e ariccundà la virità,  

ca' si pijiave la parola con eleganza e dicè:  

"Sta notte, care le mie commare,
mi so' sugnate di sta 'mbaradis' e,   

ji'ere tutte cundende, addavire,  

picché vidiv' endrà da lu purtone principale,  

ugne sorte di mbriacun' e prustitute...  

E, atturn' a me, ci stavine pure li l'utime,
lì cchiù puvire di spirit’ e umili di la cuntrade,   

ma con granda maraviji' e,
avoij' a circà, pi lungh' e larghe,
a destr' e manche, sopr' e sotte,
nin vidette maije, e me ne dispiacè,
voi pie donne, l'autorità e lacché,
e pridicature d'ogni genere, neanche pi carità".  

13.  

Dapù siguitave, ca' simbrave
stesse ricitenne na ver' e proprjie
puisjie in odor di sinfunjie:
"Ma da la finestre di lu paradise,
vidette li vizzoche andiche  

a lu purgatorie comunque indaffarate,  

pi scundà li truppe piccate
fatte sopra a lu monne nostre..."  

14.  

E concludive:    

"Ma sicuramente mo',  

queste sogne premonitore
ci deve servire a capire meji' e senza vanità,  

ca' tinime angore tanti giorni
e tanta tempe a dispusizjione,  

pi cunvirtì e cagnà innanzitutte nu stiss' e,  

dapù, a Dio piacende, lu monn'ndire.   

Ma pi fa queste,   

i dema pijià nmane innanzitutte,   

nghi lu core a la vera prighira bbone strette,
la veta nostre sempre in pette."  

Luigi Fecondo
*  

*  

*  

Traduzione in lingua italiana.  

La bizzoca  

1.
La bizzoca di borgo o di provincia, di solito,   

era una donna vecchia,  

un po' inacidita, brutta  

e con il marito santo oppure defunto in paradiso,  

altrimenti viveva senza soldato innamorato.  

Con i denti integri, anche se u po' cariati,   

ma con una lingua lunga e sottile,   

e, il più delle volte, di cattiverie assetata...  

Che la pettegola di professione,
gli si prenotava le ripetizioni.  

2.  

A dire il vero però, la bigotta,   

quand'era ancora una signorina,  

aveva provato a cercar marito,  

e a mettersi pure in mostra,  

in ogni circostanza,   

e per questo, di certo, non aveva perso tempo.  

Aveva provato a cercare
anche nei paesini limitrofi per accasarsi,  

ma il destino era segnato:
ed era proprio quello di rimanere zitella.  

Perché, a dire il vero,
non aveva trovato l'uomo giusto:  

l'uomo che si adatta ad ogni situazione e ad ogni circostanza...  

L'uomo che non gioca,
non fuma e non beve e, soprattutto,
che non presta soldi
- come un vero e proprio soprammobile...
Vai a capire...  

3.  

La bacchettona di contrada,  

ha sempre creduto e crede ancora tutt'oggi,   

di stare dalla parte dei giusti e della verità,   

e con i soli ragionamenti,  

regole e ammonimenti,  

vuole salvare il mondo intero.  

E la realtà tutta, gli si deve inginocchiare dinnanzi...  

4.  

E però or ora, da vecchietta,
gli si possono contare, a due mani,
tutti i passi, i mestieri e le chiacchiere
- quelle tantissime per davvero -
della giornata intera.  

5.  

Passi ben divisi tra la casa per mangiare qualcosina;   

il mestiere del ricamo e dell’uncinetto
per guadagnarsi qualcosa e, dopodiché,
per riposarsi un pochino in santa pace.
- E ci credo, dopo che si è stancata
a spettegolare per l'intera mattinata...  

6.  

Altri emeriti passi per l'appunto,   

li contava poi, per andare in farmacia
e alla bottega per fare la spesa
e appurare,  proprio di chi sa leggere il giornale,   

le notizie fresche fresche  

del paesino intero e, contemporaneamente,
per ripassare l'abecedario del pettegolezzo
con le altre brave, giudiziose comare.  

7.  

Infine, gli altri pochi passi che gli restavano,
erano contati per andare in chiesa
per devozione a Dio nostro creatore
e alla comunità di tutti i santi...  

Ma, tra una preghiera masticata in latinorum,  

pronunciata male, travisata e maltrattata,   

che ad ascoltare bene,  

il significato ci mancava;  

e una gonfiatura di pettegolezzi,  

la santa messa continuava...  

8.  

Ma alla fine della giornata,
i passi più importanti
erano proprio quelli fatti
subito dopo la santa messa,  

quelli fatti fuori dalla chiesa.  

Perché erano i passi
della condivisione in compagnia
delle altre bizzoche e puritane del borgo.  

9.  

E a primo sguardo in apparenza,
sembrava una semplice
processione religiosa delle pie donne e...  

10.  

Tra un cicì cicì ciciò e... mi hai capito?
e un altro cicì cicì ciciò
e sia benedetto quel povero figliolo e...  

Non ti ho detto nulla ora…
e cicì cicì ciciò...
non raccontarlo a nessuno questo fatto…  

Che uno stormo di rondini o gabbiani
in confronto non sarebbero riusciti a stare al passo...  

11.  

E, con i tromboni a perdi fiato:  

Bobombobò bobombobò  

di respiri, di pause e d'accompagnamento;
e quei sguardi forti e pieni di colori,
e le facce buffe e piene di folklore,  

e il mi reggo e non mi reggo  

della madre superiora,  

un vero e proprio ballo della bizzoca veniva fuori...  

12.  

Ma grazie a Dio,
che proprio in mezzo
a tutto quel trambusto di sospiri,
esclamazioni, esagerazioni e dicerie,  

trovavamo sereno e maestoso, zio Supino.  

Un uomo vispo, allegro e dal gomito sempre in alto,  

ma ora deciso a parlare e raccontare la verità,
che si prendeva la parola con eleganza e diceva:   

"Questa notte, care le mie comare,
mi son sognato di essere in paradiso…
e, per questo motivo, ero molto contento,  

perché vedevo entrare ogni sorte di ubriacone e prostitute...  

E, attorno a me, ci stavano anche gli ultimi,
e i più poveri di spirito della contrada.  

Ma con grande meraviglia
e, pur cercando con attenzione,
per lungo e largo, a destra e manca, sopra e sotto,   

non riuscivo a vedere mai, e me ne dispiace tantissimo,  

le pie donne, l'autorità e predicatori di ogni genere, neanche per carità.."  

13.  

Dopo seguitava, che sembrava
stesse recitando una vera e propria
poesia in odor di sinfonia:
"Ma dalla finestra del paradiso,
vedevo le bizzoche defunte
che erano indaffarate nel Purgatorio,  

a scontare i troppi peccati  

fatti in questo mondo dei vivi…”  

14.  

E concludeva:    

"Ma sicuramente ora,  

questo sogno premonitore
ci deve servire a capire meglio e senza peccare di vanità,  

che abbiamo ancora tanti giorni  

e tanto tempo a disposizione,  

per convertirci e cambiare innanzitutto noi stessi,  

e dopo, a Dio piacendo, a cambiare il mondo intero…
Ma per fare questo,
dobbiamo prenderci per mano,  

e incominciare a pregare, e fare mea culpa,  

con tutto il cuore e tutto noi stessi,  

e la vita nostra…"  

Luigi Fecondo