Anais Pedroni e Giuseppe Bramante protagonisti agli italiani indoor

Doppio oro per la Pattinatori Bosica con gli abruzzesi Asja Varani ed Alessio Clementoni che bissano il titolo di ieri

Altri Sport
Vasto domenica 03 febbraio 2019
di La Redazione
Ad Anais Pedroni e Giuseppe Bramante la vetrina della 2° giornata degli italiani indoor Pescara ‘19
Ad Anais Pedroni e Giuseppe Bramante la vetrina della 2° giornata degli italiani indoor Pescara ‘19 © Artfotostudio

PESCARA. Dopo il riuscito battesimo di ieri con cui l’incandescente “bombonera” del Pattinodromo comunale di Pescara ha raccolto degnamente il testimone dalla monumentale “astronave” dell’Adriatic Arena di Pesaro nell’ospitare questa edizione dei Campionati italiani indoor 2019 di Pattinaggio Corsa, organizzata dalla ASD DLF Pescara con il coordinamento dell’event manager Giovanni Di Eugenio Presidente del CR Abruzzo, oggi si è entrati nel vivo della manifestazione tornata, dopo un lustro, nel capoluogo abruzzese.

Le premesse erano delle migliori dopo le emozionanti gare del primo giorno, da cui, tra interessanti sorprese e piacevoli riconferme, il CT Massimiliano Presti - presente tra gli spalti e la pista come fa sempre in queste occasioni - ha potuto trarre gli spunti giusti per lavorare sul team che passerà buona parte della prossima estate in Spagna, prima ai World Games di Barcellona per tentare nell’impresa di superare il record di medaglie iridate conquistato due anni orsono a Nanjing, e poi a Pamplona per l’Europeo, quest’anno posticipato a fine agosto, a chiusura della stagione internazionale 2019.

All’appuntamento sulla classica dei 1000 metri sprint c’erano, tranne la Lollo , praticamente tutti i big, compresi i neo podi olimpici agli YOG di Buenos Aires Giorgia Valanzano e Vincenzo Maiorca che già ieri hanno dimostrato di essere in gran forma con brillanti risultati e che si sono dovuti “difendere” dall’accesissima competizione con gli altri campioni che già vestono o aspirano alla gloriosa maglia azzurra, scesi qui a Pescara con intenti bellicosi.

Le prime vittorie della giornata sono quelle sui 2000 metri a punti in cui si mettono al collo la medaglia d’oro rispettivamente Asia Negri ASD Sport Inside SP e Cristian Scassellati della Fortitudo Pattinaggio Fabriano (doppietta di titoli per lui) per la categoria Ragazzi 12, mentre nella 3000 metri a punti categoria Ragazzi, tra le donne vince dominando la forte Giulia Presti (Roller Civitanova), figlia d’arte, mentre, tra i maschi, è Ardit Mullai della Redblack Roller Team CR a superare sul filo di lana il paripunti Manuel Ghiotto.
La serata è tutta riservata, come dicevamo, alla gara sprint sulla distanza secca del chilometro, poco meno di sei giri di pista a tutta che valgono l’oro sui 1000 mt., forse la regina delle distanze, in cui bisogna saper fondere un giusto mix di potenza, esplosività e resistenza atletica.
Qui i primi a competere sono gli Allievi, dove tra le femmine Giorgia Corsini della Pattinatori Savonesi vince l’oro, mentre, tra i maschi, è Alessio Clementoni della Pattinatori Bosica (anche per lui doppietta dopo la 3000 punti di ieri) a portarsi a casa il tricolore a questi campionati.
Davvero avvincenti anche la ultime gare di oggi disputate in una bolgia di tifo infernale, dove tra le Junior Asja Varani (Pattinatori Bosica) bissa il titolo di ieri togliendosi la soddisfazione di lasciarsi dietro la medaglia olimpica Giorgia Valanzano (Pattinatori Savonesi), mentre tra gli uomini vince quasi in solitaria Filippo Scotto (Mens Sana Siena) dominando la gara dall’inizio alla fine.

Ma l’attenzione della serata era tutta puntata sulle due gare Senior dove erano tanti i papabili al successo finale ed i risultati delle gare precedenti e delle stesse qualifiche lasciavano incerto l’esito, con i favori per la vittoria finale aperti a diversi atleti. Le donne ripetono il duello visto ieri nella gara a cronometro questa volta a parti invertite con Anais Pedroni (Roller Green Ascoli) che supera Giorgia Bormida (Mens Sana Siena) ed Edda Paluzzi (Mens Sana Siena).
Giuseppe Bramante (Mens Sana Siena), in una forma già da mondiale, va a cogliere il suo secondo titolo davanti al bravo Andrea Angeletti (Roller Civitanova) ed al giovane e promettente Daniele Di Stefano (Gruppo Cosmo Noale).
Domani si chiude con l’assegnazione dei titoli nelle classiche gare delle Americane a squadre i cui risultati, insieme a quelli di tutti i Campionati sono consultabili qui http://www.fisr.it/corsa/risultati.html

La manifestazione è interamente visibile in diretta streaming sulla FisrTV.

C’era il tutto esaurito alla giornata di chiusura dei Campionati italiani indoor 2019 di Pattinaggio Corsa di Pescara, con il pattinodromo comunale “ex Gesuiti” gremito da almeno 2000 spettatori assiepati lungo i 175 metri dell’anello di gara che, con entusiasmo e animosità, hanno colorito la già festosa atmosfera sportiva.

La cronaca agonistica della giornata di chiusura di questa tre giorni rotellistica che apre la stagione della specialità, racconta delle quattro classiche gare delle Americane a squadre sulla distanza dei 3000 metri dove si accoppiano le categorie: Ragazzi con Allievi e Junior con Senior.
Il primo titolo è quello delle Ragazze/Allieve, dove vincono in una gara tiratissima le giovani pattinatrici Giorgia Corsini, Elena Lampitelli e Gaia Tedeschi della Pattinatori Savonesi davanti alle ragazze della Pattinatori Bellusco e della Mens Sana di Siena, altrettanto avvincente la gara maschile dove il terzetto della Polisportiva Bellusco composto da Andrea Cremaschi, Andrea Finco e Mattia Gianurio vince sul quartetto della Luna Sports Accademy di Ancona e sulla formazione della Pattinatori Spinea.
Nelle categorie superiori tra le ragazze Junior/Senior è anche quest’anno - e sono quattro di fila - il terzetto senese della Mens Sana in Corpore Sano consolida la tradizione nelle Americane andandosi meritatamente a prendere il titolo tricolore con la formazione composta dal terzetto Giorgia Bormida, Agnese Cerri e Lucrezia De Palma, secondo posto per la la Pattinatori Savonesi con Bottinelli/Paganelli/Valanzano mentre terza con Lorenzato/Luciani/Zanoni la GS Scaltenigo VE.
Infine nell’ultima gara per il titolo della 3000 metri America Junior/Senior maschile (dove, curiosità, abbiamo visto gareggiare nelle qualifiche anche il consigliere federale Sandro Cipriani) è successo un po’ di tutto con una caduta a tre ad inizio gara che ha condizionato il risultato finale così come l’eliminazione del team di Martinsicuro per cambio irregolare. Alla fine sono i Pattinatori San Mauro Torinese Filippo Manera, Andrea Martino ed Enrico Salino ad avere la meglio sulla Mens Sana in Corpore Sano di Siena (Duccio Marsili, Giuseppe Bramante, Omero Tafi) in rimonta, terza l’Olimpiade Pattinatori Siracusa (Vincenzo Maiorca, Francesco Palumbo, Roberto Maiorca).

La classifica finale per società ha visto trionfare, dopo un continuo testa a testa risolto solo dopo l’ultima gara, la ASD Pattinatori Bosica che interrompe l’egemonia che durava dal 2015 della SSD S Mens Sana in corpore Sano di Siena, oggi seconda davanti alla ASS DP Bellusco.

Il ct Massimiliano Presti, faticando a nascondere la doppia soddisfazione derivante dall’aver visto bellissime gare e, nonostante l’inizio della stagione, parecchi atleti già in ottima in forma e dal promettente successo della figlia Giulia, ieri vincitrice del titolo a punti nella categoria Ragazzi, commenta così il campionato: “in questi tre giorni ho percepito tra i ragazzi una gran voglia di confrontarsi ed ho avuto modo di conoscere delle nuove leve che promettono davvero bene, oltre alle conferme delle categorie superiori con qualche interessante sorpresa.

La stagione inizia e bisognerà lavorare sodo soprattutto con i grandi perché quest’anno il livello internazionale è altissimo. Stiamo mettendo a punto alcuni raduni e trasferte per i prossimi mesi; cercherò di tenere sotto controllo il settore giovanile e di programmare dei test/allenamenti con i più grandi, con la solita raccomandazione agli allenatori di una gestione tecnica dei piccoli ed una programmazione mirata per i più grandi in modo che il loro livello/rendimento possa crescere di mese in mese.”