Luigi Alfieri trionfa al "Trofeo delle Cinture"

Il pugile vastese batte ai punti l’avversario Rossetti e ora può tentare la sfida al titolo italiano

Altri Sport
sabato 01 agosto 2020
di Francesco Vito D'Aprile
Più informazioni su
Luigi Alfieri trionfa al
Luigi Alfieri trionfa al "Trofeo delle Cinture" © Vastoweb

VASTO. Il nostro peso welter, in una sfida sulle otto riprese tra le più intense tra i suoi match da professionista, non si è risparmiato un istante, prevalendo infine tecnicamente contro l’avversario Pietro Rossetti, ostico e sempre propenso all’attacco. Al Parco degli Aquedotti di Roma, presso il campo sportivo Gerini, ieri si è disputato il match finale valevole per il Trofeo delle Cinture Wbc-Fpi in cui il nostro pugile ha mostrato tecnica, intelligenza e fegato.

“È stato un bel match”, ha esordito entusiasta il giovane campione: “Un match completo sia dal punto di vista tecnico che scenografico.” Tornare sul ring dopo alcuni mesi di fermo forzato ha probabilmente inficiato emotivamente: “Non è stato affatto semplice poiché il mio avversario era un osso duro, avanzava sempre. Tuttavia con la tecnica e la determinazione sono riuscito a fermarlo e a contrastarlo.”

In questo quinto match da professionista, con un team e un supporto straordinari e tanta determinazione, il Pugile vastese ha dato prova della sua propensione a non lasciare nulla al caso: “Sapevo di aver fatto un buon incontro e di aver dato il meglio di me. Tuttavia non ero sicuro al 100% di aver vinto, anche perché quando combatti fuori casa è sempre più difficile riportare una vittoria. Quando sei sul quadrato del ring, inoltre, pensi solo a fare bene e non tanto a immaginarti l’esito del match. Il resto viene e parla da se.”

“Sono molto soddisfatto per la vittoria ottenuta,” tiene a sottolineare Alfieri: “Tutti i sacrifici e l’impegno che ho messo per arrivare fin qui, mi stanno ripagando ogni giorno.”

Il riposo del guerriero è contemplato anche nella disciplina più rigida: Cosa pensi a riguardo? “Non mi voglio fermare e spero che questo sia solo l’inizio di una serie di straordinarie opportunità. Desidero fare un piccolo pezzo di storia di Vasto così come ha fatto Domenico Urbano prima di me.” E con la grande umiltà che contraddistingue il nostro campione, Luigi tiene d’immediato a specificare che i sacrifici sono stati tanti ma il risultato è stato possibile solo grazie ai suoi maestri Urbano e Alfredo Campitelli e al suo preparatore atletico Andrea Ialacci: “… e l’azienda per cui lavoro ( San Salvo Appalti) che mi sopporta e supporta sempre in tutto.”

È pensiero comune credere che sul ring si combatta contro un avversario. Tuttavia i più grandi campioni di sempre hanno affermato che il vero combattimento è contro se stessi:“Contro le proprie paure e i propri limiti. La differenza credo sia semplice quanto essenziale: la paura è comune a tutti, tuttavia c’è chi fugge e chi l’affronta. Spero sia solo l’inizio; spero che tanta più gente ogni giorno si appassioni a questo sport e capisca il reale significato della nobile arte.”

In questo straordinario percorso sportivo, Alfieri sottolinea quanto rilevanti siano affetti ed amici: “Desidero ringraziare tutti coloro che mi seguono, sono tutti indistintamente fantastici. Il tifo è sempre motivo di orgoglio e in questo la mia città mi aiuta davvero tanto”.