Don Cirillo Piovesan  e l'on.le Giuseppe Spataro

21° anniversario della scomparsa del parroco-scrittore Don Cirillo

SAN SALVO. Sono trascorsi  21 anni dalla morte Don Cirillo Piovesan, parroco della chiesa di San Giuseppe per circa quaranta anni. Nacque  a Mussolente in provincia di Vicenza. Proveniente dalla parrocchia di Carpineto Sinello  raggiunse  San Salvo con un carretto trainato dall’ asino di un fruttivendolo. Studioso stimato da tutti, ha scritto “La città di San Salvo”, un ‘approfondita ricerca storica e miniera inesauribile di informazioni e notizie sulla storia di San Salvo. Designato vescovo dal Sommo Pontefice, preferì restare sacerdote per tutta la vita. Le sue spoglie si trovano nel cimitero di Mussolente. I salvanesi conservano di lui un ricordo straordinario. Qui di  seguito un sonetto in vernacolo salvanese:”Mussolènde, lu lòche addò si nnate, paése solitarie e fortunàte. ‘ Nu bbelle jùrne t’ha chiamàte Ddije, la Madònne, t’ha indicàte la vìje.  A Sànde Sàlve te sì fermàte, nu paése andìche e deruccate , ma fòrte e di grande sentiménde, gendìle e genuìne ere la ggende. De stu paése si scritte lu passate, ‘na vìte de recèrche si ‘mpegnàte. Se date le cunzìje a cà vulùte, si fatte le piacére e date aiùte. Si dunàte de sta terre lu bbene, ma si reccodde sòle péne. Chiamàte ,‘nu jùrne, a la carriere, se rifiutàte da la sére. Senza parénde e senza famije passe la jurnàte pensànne a Ddije, pregànne pé la ggende chi nin crede, che sòle de quatrìne te la séte. Canda vodde  sunnàve la Madònne, cande vodde la mamme ti vè ‘n sonne! So esse che te prutegge e ti consòle. Esse da lu scure fa scì lu sòle. Don Cirì, tir’avande ssa carrette, lu Paradìse sicùre t’aspétte”. Pochi mesi prima della sua morte, Don Cirillo,  donò  parte della sua abitazione ad una famiglia povera numerosa,  parte alla Chiesa parrocchiale di San Giuseppe.

Michele Molino Presidente del Cenacolo salvanese