vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Itis "Mattei": studenti a lezione dalla criminologa di "Porta a Porta"

Più informazioni su

VASTO – Tecniche investigative abominevoli. Troppo spazio per le chiacchiere. Una scena del crimine che viene contaminata di frequente e impianti accusatori che fanno acqua da tutte le parti. Non risparmia davvero niente e nessuno Roberta Bruzzone, la crimiloga di Porta a Porta che stamattina è stata ospite presso l’Itis Mattei di Vasto. Una interessante “lezione” su come il mondo dell’informatica può aiutare nelle investigazioni scientifiche e su quanto siano “deperibili le prove raccolte sulla scena di un crimine”. La Bruzzone, che è stata accompagnata da Massimo Boccardi, ex agente di Polizia, fa parte dell’Accademia internazionale delle Scienze Forensi. Lei, che si è formata in gran parte negli Stati Uniti, trova una grande differenza tra le tecniche investigative italiane e quelle statunitensi e, a chiare lettere, ribadisce che “in Italia c’è troppo spazio per le chiacchiere. In America c’è un protocollo molto rigido quando si entra in una scena del crimine. Questa, infatti, deve restare del tutto asettica e non deve essere contaminata. Sono poche le persone che sono ammesse. In Italia, invece, chiunque può camminare sulla scena del crimine prima che arrivino gli esperti del settore. Questo fa sì che le prove raccolte possano anche non essere del tutto corrette, mentre il giudizio deve essere esclusivamente scientifico”. Insomma Bruzzone, davanti al pubblico formato da diverse classi dell’istituto industriale, non ha messo la piena sufficienza alle tecniche italiane con le quali si arriva a scoprire l’autore di un determinato reato. In primo luogo quello che è stato messo in evidenza è la mediaticità del caso. “Ogni volta che viene compiuto un crimine – ha affermato l’esperta del settore – si innesta un meccanismo per il quale quella scena diventa un vero e proprio circo. La gente, d’altronde, ha fame di queste cose. Vuole vedere il morto. Il sangue. Ma questo non aiuta le indagini che, invece, devono essere compiute in un ambiente calmo e sereno. Ci vogliono ore per fare una rilevazione della scena del crimine che sia ottima. E, nella maggior parte dei casi, le risposte date nell’immediatezza del fatto non sono mai quelle migliori o più esaustive. Infine vi devo dire una cosa – ha affermato rivolgendosi alla platea che la ascoltava (seduti tra gli studenti anche il capitano e comandante della compagnia carabinieri di Vasto, Giuseppe Loschiavo, il comandante della Polizia Penitenziaria, Ettore Tomassi e diversi rappresentanti della Guardia di Finanza e del Commissariato di Polizia) – scordatevi CSI perché quello che vedete in televisione non corrisponde per niente alla realtà delle cose”.

michelabevilacqua@vastoweb.com  

Più informazioni su