vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Migliaia di multe con l'autovelox, la questione approda in Senato

Più informazioni su

VASTO – Approda in Parlamento la questione delle multe comminate lungo la Trignina. “Divieto assoluto di utilizzo di mezzi di controllo elettronico della velocità da parte delle forze di pubblica sicurezza fuori dai centri urbani”. Niente autovelox, tutor e telelaser: è quanto contenuto in una proposta recapitata in Senato da Antonio Turdò, presidente del Comitato Pro Trignina, sorto agli inizi del 2009 per combattere i controlli predisposti dai Comuni tramite apparecchiature imboscate lungo la Statale 650. In ballo ci sono migliaia di contravvenzioni. Il responsabile dell’associazione si rivolge in una lettera al senatore Luigi Grillo, presidente dell’VIII commissione (Lavori pubblici, Comunicazione) di Palazzo Madama.

Queste le proposte di Pro Trignina:

1) Divieto assoluto di utilizzo dei mezzi di controllo elettronico (autovelox, tutor e telelaser) da parte delle forze di polizia urbana fuori dai centri urbani, al fine di eliminare il vezzo di piazzare gli autovelox – spesso anche imboscati – sulle Fondovalli a scorrimento veloce senza nessuna apparente necessità di sicurezza e tutela dei propri cittadini. Questo deve essere permesso solo alle forze di Polizia di Stato oppure forze dell’Arma dei Carabinieri.

2) Mantenere costante il limite di velocità (ovviamente solo ed esclusivamente fuori dai centri abitati) stabilito per le strade statali equivale a 90 Km orari e non a 60/70 o 80, cosa che genera solo una enorme confusione e non ha nessun rapporto con lo sviluppo della tecnica e della meccanica delle nuove autovetture.

3) Riequilibrio della norma sanzionatrice in materia (si pensi che il cittadino automobilista che riceve una sanzione ai sensi del comma 8 dell’art. 142 del CDS, paga 148 euro di multa e qualora ometta la comunicazione dei punti, riceve una ulteriore sanzione da 250 a 1003 euro): è uno dei primi casi nella legislazione italiana nella quale la sanzione accessoria è maggiore di quella principale.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su