vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Del Prete lancia la sfida a Lapenna per il 2011: farò una lista dei vastesi

Più informazioni su

VASTO – Una lista civica di persone “senza tessere di partito”. E’ l’espressione che usano Nicola Del Prete e Davide D’Alessandro. L’ex vice sindaco e il giornalista di Qui Quotidiano hanno presentato oggi pomeriggio, al cinema Corso, il libro scritto a 4 mani: Amministrazione Lapenna e Partito democratico. Storia di due storie mai nate. Hanno lanciato frecciate alla Giunta Lapenna e al centrosinistra e invitato i cittadini ad “abbandonare le tessere e gli steccati” per costruire un’esperienza civica in grado di proporre il rinnovamento.

Le accuse. “L’amministrazione Lapenna – ha attaccato D’Alessandro – ha rappresentato una delusione per migliaia di vastesi” e il Pd sarebbe servito “a perpetuare una classe di potere. Ci hanno detto che il Partito democratico avrebbe dovuto essere fatto dai manovali. E’ stato fatto sì dai manovali, ma da quelli di San Salvo”. Assente l’onorevole Calgaro, D’Alessandro cita Rutelli (che ha fondato il movimento Alleanza per l’Italia cui Del Prete guarda con interesse) e, a sopresa, pur non facendone esplicitamente il nome, anche Veltroni, che del Pd è stato il segretario: “I care” (che significa mi sta a cuore, mi interessa) è lo slogan usato dal giornalista, identico a quello di Veltroni quando era segretario dei Ds tra la fine degli anni Novanta e il 2001.

L’ex vice sindaco attacca su più fronti. Il preferito è l’Urbanistica: “Dopo 4 anni non ancora abbiamo le Norme tecniche di attuazione del Prg”, “stiamo ancora parlando di Piano spiaggia” e “la variante al Prg questa amministrazione non la potrà fare”. Mentre sul problema rifiuti “abbiamo rischiato di diventare come Napoli. La Regione ha salvato capra e cavoli”. “Io – afferma – ho voluto la stabilizzazione dei lavoratori precari del Comune. Prima era un mercato delle vacche. Adesso i concorsi saranno finalizzati alle elezioni del 2011”.

I presenti. C’erano due ex assessori comunali esclusi dalla Giunta Lapenna, Francescopaolo D’Adamo (Idv) e Rocco Cerulli (Pd), ma anche Maria Amato, avversaria di Peppino Forte al congresso del Partito democratico, Anna Paola Sabatini, ex membro dell’assemblea nazionale dei Democratici, uscita polemicamente dal partito. Rivolgendosi a D’Adamo, Del Prete ha ricordato: “Avevamo portato in Giunta il progetto di copertura tra i palazzi scolastici di corso Italia per farne una galleria, come a Milano o a Napoli. Ne abbiamo saputo qualcosa? No. Esisteva un progetto di ristrutturazione di piazza Histonium e del palazzo comunale. Sono stato in municipio: c’erano i secchi d’acqua a terra perché ci piove dentro”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su