vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Gf 10, Alberto in municipio: "Io assessore al turismo? Prima la laurea"

Più informazioni su

VASTO – “Io assessore al turismo? Prima la laurea. E’ il mio settore, mi piace molto. Studio per quello. Certo, non per diventare assessore, ma mi piacerebbe dare una mano a questa città, che adoro, e anche all’attività di famiglia”. Sotto gli occhi divertiti di Mara, Alberto risponde tra il serio e il faceto. Il concorrente vastese del Grande fratello 10 era già tornato a Vasto nei giorni scorsi. Toccata e fuga senza clamori per partecipare alla messa in occasione dell’anniversario della scomparsa della madre. Stamattina è stato accolto in Comune dal sindaco, Luciano Lapenna, e da una piccola folla di fans. Qualche minuto dopo mezzogiorno, con qualche problema nel trovare parcheggio in centro. Poi la sua figura, divenuta familiare per milioni di italiani, sbuca ai piedi della scalinata d’ingresso del municipio. Mano nella mano con una raggiante Mara Adriani, la splendida ragazza romana cui i presenti hanno riservato un affetto pari a quello per il loro concittadino. Insieme allo zio, Nicola Baiocco, subito tappa nello studio del sindaco, gremito da fotografi, cameraman, giornalisti, amministratori comunali e curiosi. “Ciao. Come stai, bestia?”: così lo saluta Lapenna tra le risate generali. “Ci siamo tutti commossi nel vederti arrivare fino alla finale”. Poi il primo cittadino consegna a Mara un album fotografico con le immagini più suggestive di Vasto. “E’ bellissima”, commenta la ventitreenne romana, “anche se ho avuto modo di vederla poco. Nella casa sentivo sempre Vasto, Vasto, Vasto… E ora eccomi qua”. “L’ho portata sulla Loggia Amblingh”, spiega lo studente-albergatore, sorridente, ma anche un po’ frastornato da tanto interesse. Ringrazia la città per la serata organizzata al Politeama Ruzzi in occasione della finalissima. Poi le interviste. E quando gli chiedi se gli piacerebbe fare l’assessore al Turismo, lui risponde scherzando, ma non troppo: “Addirittura! Prima la laurea. Sto studiando Scienze del turismo. E’ il mio settore, mi piace molto. Studio per quello. Certo, non per diventare assessore al Turismo, ma mi piacerebbe dare una mano a questa città, che adoro, e anche all’attività di famiglia”. Quando, pochi minuti dopo, Lapenna lo viene a sapere, sorride: “Alberto, vuoi fare l’assessore?”. Quindi rinfresco in piazza Barbacani, dove arriva anche papà Gino. E dove il cavalier Enzo Ronzitti (semplicemente Il Cavaliere, per i vastesi) diventa protagonista di uno show improvvisato, dedicando a Mara la canzone dialettale “Lu Uaste è belle e terra d’eure” e ad Alberto “La zingarella”.  Il futuro? “Per ora – spiega Mara – staremo un po’ qua e un po’ a Roma. Poi si vedrà”. E Alberto: “Quando saremo impegnati starò a Roma o a Milano, ma non lascio Vasto. Se non succede qualcosa di particolare, qua mi trovate”.

Più informazioni su