vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Secondo incendio doloso ai danni di un imprenditore edile

Più informazioni su

VASTO – E’ la seconda volta. La polizia indaga a 360 gradi sull’incendio doloso appiccato nel corso della notte vicino allo stadio Aragona di Vasto all’automobile di L.S., 40 anni, imprenditore edile del posto. L’uomo era stato già vittima di un gesto analogo il 3 marzo scorso, quando mani ignote avevano appiccato il fuoco a un mezzo di servizio in dotazione alla sua azienda. Il secondo, inquietante rogo è scoppiato quando erano circa le 3.50 di stamani in via Misurata, nei pressi di via Tobruk e, dunque, dello stadio di Vasto. I vigili del fuoco del Distaccamento di via Madonna dell’Asilo hanno provveduto a spegnere le fiamme, che hanno bruciato una fiancata dell’Audi A6 del quarantenne. Un’inchiesta è stata aperta dagli agenti del Commissariato di via Bachelet, già titolari delle indagini relative al precedente episodio. La vittima ha confermato, ai poliziotti di non aver ricevuto tentativi di estorsione, né minacce riguardanti l’esercizio della propria attività imprenditoriale o il ruolo di dirigente della Pro Vasto. “Stiamo indagando a 360 gradi, nessuna pista è esclusa”, si limita a dire il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del Commissariato.

L’episodio del 3 marzo. E’ doloso l’incendio di un furgone verificatosi in via dei Conti Ricci. E’ un mezzo appartenente all’impresa edile di proprietà di L.S., un quarantenne di Vasto. L’allarme è scattato intorno alle 23.30. “A quell’ora – racconta l’imprenditore – ho ricevuto la telefonata del Commissariato che mi avvisava dell’accaduto. Quando sono arrivato in sede, non credevo ai miei occhi: al furgone era stato appiccato il fuoco in 4 punti diversi, per un danno tra i 5 e i 6mila euro. Ho sempre avuto buoni rapporti con tutti e non ho mai ricevuto minacce legate al mio lavoro, né alla mia vita privata”. La polizia ha aperto un’inchiesta. La scientifica ha eseguito nella mattinata di oggi i rilievi sulla piattaforma e sul mezzo cui è stato appiccato l’incendio, spento ieri sera dai vigili del fuoco del Distaccamento di via Madonna dell’Asilo. Subito i pompieri hanno accertato la natura chiaramente dolosa dell’episodio. Le fiamme si sono sviluppate partendo da tutti e quattro i lati del furgone, segno evidente dell’intenzionalità del gesto.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su