vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Gf 10: Alberto visita il carcere di Torre Sinello con i "Marron Glacés"

Più informazioni su

VASTO – Alberto Baiocco entra in carcere. Sì, avete capito bene. Domani, sabato 15 maggio, alle ore 15, il giovane protagonista del Grande Fratello 10 entra nella casa circondariale di Vasto, ma per condividere la sua esperienza di vita e televisiva con i detenuti che, nei giorni della sua “reclusione” nella casa più spiata d’Italia, lo hanno seguito nella quotidianità di una prigione.
La manifestazione, organizzata da Miranda Sconosciuto, insegnante presso la casa circondariale di Torre Sinello e già promotrice, in più occasioni, di eventi educativi e ricreativi in carcere, vedrà la partecipazione anche del gruppo musicale dei Marron Glacés (Simone Altieri alle percussioni, Nicola Cedro alla chitarra e Fabio Falcone a piano e basso), gruppo locale molto conosciuto in grado di appassionare.
“Lo spettacolo – spiega Miranda Sconosciuto – vuole essere un incontro tra il dentro e il fuori, tra la simpatica e frizzante musica dei Marron Glacés e Alberto Baiocco, che un po’ tutti i vastesi conoscono per essere sempre stato un bravo ragazzo, attento alle problematiche sociali, ancor prima dell’esperienza al Grande Fratello. Agli occhi meno attenti potrebbe risultare lo stereotipo superficiale del prodotto di un programma televisivo di massa, prettamente commerciale e niente affatto educativo. Ma Alberto non vuole essere lo “special guest” del nuovo Gf nel carcere di Vasto. Alberto è un giovane che, da un vissuto particolarmente movimentato e ricco di superficialità, ha saputo dare senso alla propria vita attraverso un cammino di fede e di buone azioni, con esperienze significative presso i reparti dell’ospedale che, inevitabilmente, lo hanno arricchito nell’animo”. “Un esempio positivo, dunque – conclude l’insegnante Sconosciuto -, di bontà, altruismo e generosità d’animo per chi, con scelte sbagliate, non ha dato valore alla propria libertà personale”.

Paola Cerella

Più informazioni su