vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Sciopero delle vetrine": ampia adesione alla protesta in centro

Più informazioni su

VASTO – Non è stata un’adesione totale, ma quasi. In un uggioso sabato di metà maggio tutt’altro che primaverile, è andato in scena a Vasto lo sciopero delle vetrine. Lo hanno indetto il consorzio Vasto in centro e, più in generale, i commercianti della parte antica della città. Motivo della protesta: la nuova regolamentazione del traffico disposta dall’amministrazione comunale dopo l’apertura del parcheggio multipiano di via Ugo Foscolo. Il Comune spegne il centro storico e il centro storico spegne le vetrine. E’ questo lo slogan della manifestazione. Due i provvedimenti contestati: piazza Rossetti totalmente chiusa alle auto e l’estensione delle aree a strisce blu. Secondo i titolari delle attività commerciali, l’equazione è semplice: più parcheggi a pagamento, meno clienti, che in un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo potrebbero essere scoraggiati dal fermarsi con la macchina nel cuore della città. A dire la verità, un po’ di movimento in più davanti alle vetrine spente e dentro i negozi si è visto in questo strano sabato di metà maggio. “Ma nei prossimi giorni, quando i vastesi avranno sperimentato che la sosta a pagamento è ormai quasi dappertutto saranno invogliati a tornare nel centro storico per fare compere?”, chiedono gli esercenti, che parlano anche a titolo personale, visto che le loro auto e quelle dei commessi rimangono parcheggiate per 8 ore al giorno.

Su Vastoweb è possibile votare il sondaggio sullo sciopero delle vetrine.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com 

Più informazioni su