vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Strade e numeri civici, il Comune avvia il censimento per evitare il caos

Più informazioni su

VASTO – Strade che hanno nomi identici ad altre, o che non ne hanno affatto. Promette di risolvere il caos nella toponomastica l’amministrazione comunale di Vasto. Serviranno quattro mesi per il censimento di tutte le strade e numeri civici della città: tre addetti del Patto territoriale Trigno-Sinello hanno cominciato da una settimana a girare e fotografare le denominazioni delle vie e i numeri identificativi degli edifici. A chi verrà cambiato il nome della strada o il numero d’indirizzo “invieremo – spiega Domenico Molino, assessore alle Finanze – nuove carte d’identità”. “Ci sono alcuni complessi residenziali in cui vivono centinaia di persone con un unico numero civico. Abbiamo trovato un’anarchia anche in questo campo”, dice il sindaco, Luciano Lapenna, durante la presentazione in municipio, Sistema toponomastico integrato, “uno dei primi nella nostra regione”, sostiene Lapenna. La riorganizzazione è frutto di un accordo tra il Comune, il Patto territoriale e l’Unione dei Comuni del Patto Trigno-Sinello, rappresentato dall’ingegner Massimo Staniscia, che spiega: “Il lavoro consisterà nell’assegnare i numeri dove mancano e nel denominare le strade prive di denominazione, oltre a rilevare le attività commerciali”, ma “c’erano anche numeri che si ripetevano o che non c’erano affatto”, dice Molino, secondo cui “con questa operazione andiamo a razionalizzare tutto l’impianto toponomastico cittadino. Due saranno i benefici: il primo sotto un aspetto strettamente anagrafico. Il secondo, che poi è quello più importante e per il quale mi sono battuto negli ultimi tre anni, è legato all’aspetto tributario e consentirà, in tempi brevi, di contrastare l’evasione della Tarsu. Che poi è una delle cause primarie di un’alta imposizione fiscale. Insomma, a lavoro finito, il sistema toponomastico integrato sarà un ottimo strumento di programmazione sia territoriale che fiscale. Sarà una vera e propria banca fiscale cittadina”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su