vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Un lettore: "Bandiere Agenzia culturale, una colletta per cambiarle"

Più informazioni su

VASTO – Una lettera al governatore Gianni Chiodi perché faccia sostituire le vecchie bandiere della sede di Vasto dell’Agenzia per la promozione culturale della Regione Abruzzo. L’ha scritta un nostro lettore, Massimo Gatta. La pubblichiamo.

“Sono un cittadino di Vasto e segnalo lo stato di completo abbandono delle due bandiere (Unione europea e tricolore italiano) che sventolano dai pennoni posti sopra la sede dell’Agenzia per la Promozione Culturale di Vasto. Più che bandiere sembrano poveri stracci sporchi appesi sul nulla; è una vera indecenza che non ci si curi di questi simboli che, comunque la si pensi, identificano il nostro essere cittadini italiani e comunitari. Sporche, sbiadite, strappate, attorcigliare sui rispettivi pennoni, possibile che nessuno, delle decine e decine di utenti giornalieri di questo importante centro culturale e pubblico cittadino senta il bisogno di denunciare tale stato di completo abbandono di questi simboli sociali. Sono un dipendente dell’università molisana e le bandiere che sventolano sulle varie nostre sedi vengono sostituite appena usurate dal tempo, ogni tre mesi circa. Mi dispiace dover segnalare un fatto talmente eclatante e, pur nel suo piccolo, significativo dello scarsissimo interesse per la cosa pubblica di noi italiani.
Egregio presidente Chiodi, la prego di intervenire; in caso contrario che possiamo fare noi cittadini? Una colletta di qualche decina di euro per l’acquisto di due bandiere nuove?”.

Più informazioni su