vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Passa il consuntivo. No alle recinzioni

Più informazioni su

VASTO – Con i soli voti della maggioranza di centrosinista,
il consiglio comunale di Vasto, che oggi ha detto sì al conto consuntivo 2009, ha approvato un ordine del giorno che chiede ufficialmente alla Regione Abruzzo di abrogare la legge denominata “salva recinzioni balneari” di recente varata dal Consiglio Regionale.

La civica assemblea ha respinto l’ordine del giorno del centrodesta (4 i sì, mentre Alleanza per l’Italia non ha partecipato al voto), teso invece a chiedere un intervento migliorativo della legge stessa, capace di contemperare le esigenze pubbliche con quelle dei balneatori. Nel
corso dell’acceso dibattito, i consiglieri di maggioranza hanno censurato
la condotta dei consiglieri regionali del Vastese (Tagliente e Menna, l’altro è Terra) che hanno firmato nel giugno scorso il contestato emendamento.
E’ quello che, di fatto, sana le recinzioni abusive degli stabilimenti balneari, dando di fatto analoga opportunità a tutti i balneatori abruzzesi. Tagliente, presente in aula, ha difeso l’emendamento, sostenendo che “c’è un’esigenza di sicurezza, che i tempi sono cambiati e che, in vista del federalismo, cambia lo stesso concetto di demanio”. Lo hanno ripreso molti consiglieri del centrosinistra, affermando che la concessione non può essere scambiata per proprietà privata. Il sindaco, Luciano Lapenna, che ha invocato un pronunciamento di protesta di tutti gli altri comuni costieri, ha sottolineato come la legge approvata dal centrodestra sia stata uno “schiaffo istituzionale”. Nel corso dell’odierna seduta, il consiglio comunale, oltre ad approvare il conto consuntivo,
ha pure nominato i nuovi revisori dei conti: si tratta di Nicola Sabatini
e Giovanni Pascucci, revisori uscenti, il primo con 19, il secondo con 16
voti e Michele Lazetera, che di voti ne ha ottenuti 14. (Agi)

Più informazioni su