vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Inchiesta turismo/12: Medicina turistica in panne, un solo medico

Più informazioni su

VASTO – Personale ridotto all’osso. Un solo medico deve curare, in media, 70-80 pazienti al giorno. E di domenica, quando la spiaggia di riempie come un uovo, il numero degli interventi supera la soglia dei 100. E’ una situazione critica, quella in cui si trova la Medicina turistica di Vasto Marina, la guardia medica estiva che ogni anno offre assistenza ai bagnanti per evitare di ingolfare all’inverosimile il Pronto soccorso dell’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. Il presidio sanitario di lungomare Cordella ha riaperto i battenti il 5 luglio scorso. “Se avessimo rifiutato anche noi 3, il servizio sarebbe stato soppresso”, racconta Alberto Ciancaglini, uno dei 3 medici in servizio alla Medicina turistica di Vasto Marina. Gli altri due sono suo fratello, Dario Ciancaglini, e Manuela Quinzii. Quest’ultima presta servizio di sabato e domenica, gli unici giorni in cui è garantita la presenza di due dottori. Fino allo scorso anno erano 6 in tutto. “Dal lunedì al venerdì – spiega Alberto Ciancaglini – ci alterniamo io e mio fratello. Ognuno di noi deve rimanere in guardia medica dalle 10 alle 18, con orario continuato. Ci capita di dover intervenire per qualsiasi problema: dalle punture di medusa o di insetti alle congestioni, ai collassi. Negli anni scorsi ci sono capitati anche pazienti con infarti in corso. Mercoledì, tra le 10 e le 12.30 c’erano già 40 pazienti. Mediamente, ne sono una ottantina al giorno, numero che sale nei fine settimana”. Ad agosto la situazione dovrebbe migliorare: è previsto l’arrivo di un quarto professionista, “ma nel 2009 eravamo 5, più un collega itinerante, che svolgeva le sue ore di lavoro metà a Vasto Marina, metà a San Salvo Marina. La Croce rossa – sottolinea Ciancaglini – ci sta dando una grossa mano, ma ad agosto non potremo affrontare il pienone con un solo medico al giorno. Il problema è che questo è un servizio volontario: si lavora tanto e si viene sottopagati. In pochi accettano ancora di farlo per spirito di servizio verso la collettività”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su