vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il Pdl critica il consuntivo: "E' il peggior bilancio della storia della città"

Più informazioni su

VASTO – “Il bilancio consuntivo relativo all’esercizio 2009 portato in approvazione dall’amministrazione comunale,  è da considerarsi senza alcun dubbio il peggior rendiconto amministrativo della storia del Comune di Vasto”. E’ duro l’attacco che Etelwardo Sigismondi, consigliere comunale del Pdl, rivolge all’amministrazione comunale di centrosinistra. “Le cifre emerse dal conto di bilancio – attacca – confermano l’esatta percezione di un’amministrazione ferma, incapace di fare investimenti e soprattutto non in grado di dare all’ente una reale programmazione. Le entrate, come evidenziato nella relazione dei revisori dei conti, sono state sovrastimate del 36%. A fronte, infatti, dei preventivati 57 milioni 37mila 491 euro, le entrate sono state di 36 milioni 305mila 287 euro. Questo grave errore di programmazione ha provocato una consequenziale contrazione delle spese programmate e, quindi, minori servizi e investimenti per la città. Il Popolo della libertà – ricorda Sigismondi – in sede di approvazione del bilancio preventivo 2009 aveva messo in evidenza le criticità del bilancio ed, in particolar modo, la poca attendibilità delle entrate. A nulla valsero, in quella sede, i nostri interventi, in quanto il chiaro scopo dell’amministrazione era quello, attraverso il bilancio di previsione, di gettare per l’ennesima volta fumo negli occhi dei cittadini, promettendo attività che difficilmente avrebbero potuto realizzare, così come poi riscontrato. Ed è proprio nella parte degli investimenti – polemizza l’esponente del Pdl – che si evidenzia un chiaro fallimento dell’azione amministrativa del sindaco Lapenna e della sua Giunta. Basti pensare che dei preventivati e annunciati 11 milioni 90mila euro di opere pubbliche, l’amministrazione ha realizzato opere per solo un milione 677mila 169 euro, con uno scostamento dell’84,93% rispetto a quanto preventivato e promesso ai vastesi”.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su