vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pro Vasto-Comune, pace fatta: il marchio di Vasto come sponsor

Più informazioni su

VASTO – Pace fatta tra Comune e Pro Vasto. L’amministrazione comunale è disposta a sponsorizzare la squadra di calcio con un marchio legato alla città. Un’operazione che consentirebbe alle casse societarie di incamerare 25mila euro, nel caso in cui l’operazione-salvataggio dovesse andare a buon fine, “ma sono disposto anche a raddoppiare la cifra”, dichiara il sindaco, Luciano Lapenna.

La schiarita è arrivata nel primo pomeriggio di oggi, dopo che un gruppo di tifosi si era piazzato fuori dal municipio chiedendo un incontro immediato col primo cittadino. Il sindaco era alla manifestazione contro il taglio di 70 posti letto all’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. Il faccia a faccia è iniziato intorno alle 14.

Lapenna ha chiesto e ottenuto anche la presenza del presidente della società di calcio, Mimmo Crisci, per visionare le carte relative ai debiti che il sodalizio biancorosso deve ripianare per compiere un ultimo tentativo di salvataggio attraverso un ricorso da proporre direttamente al Consiglio federale per chiedere la riammissione alla Seconda divisione.

Il sindaco ha garantito che, qualora la colletta finalizzata a ripianare il buco di bilancio da 250mila euro dovesse andare a buon fine, il Comune erogherebbe una somma di 25mila euro in cambio di una sponsorizzazione: un marchio legato alla città da stampare sulle magliette dei calciatori. “Ai tifosi e al presidente – dice Lapenna – ho ribadito quello che avevo già detto a D’Amico e Colantonio”, rispettivamente presidente dell’associazione Insieme si può e contabile della Pro Vasto. “Il Comune – spiega il sindaco – darà il proprio sostegno alla società tramite la promozione turistica della città, a condizione però che siano risolte prima le altre questioni. E mi riferisco ai conti della Pro Vasto, che devono essere chiari. Lunedì riunirò la Giunta municipale per affrontare la questione. Rimane la somma di 25mila euro, ma sono disposto ad arrivare al raddoppio della cifra. Come in passato – conclude Lapenna – faremo la nostra parte, ma è chiaro che non possiamo sostituirci ai privati nella gestione della società di calcio”.

Nella galleria fotografica, l’attesa dei tifosi fuori dal municipio.

Più informazioni su