vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Scassinata cassaforte del municipio: presi 1600 euro e carte d'indentità

Più informazioni su

VASTO – Un’automobile parcheggiata giusto davanti all’ingresso secondario del municipio li ha costretti a lasciare la cassaforte per le scale. Dopo averla bucata non sono riusciti ad arraffare tutto, cioè più di 2mila euro, ma si sono dovuti accontentare di circa 1600 euro in contanti, più 68 carte d’identità in bianco. Le rivenderanno per confezionare falsi documenti di riconoscimento i ladri che nottetempo sono entrati nel municipio di Vasto. Orario verosimile: dopo le 3 di notte. Per entrare in azione hanno preso di mira una finestra del piano terra che si affaccia su piazza Barbacani. Hanno sollevato l’obsoleta tapparella di legno e poi sfondato il vetro. Una volta aperto il varco, sono entrati indisturbati a palazzo di città. Sapevano dove andare, visto che hanno preso di mira la cassaforte dell’ufficio anagrafe. “Per sollevarla servono due o tre persone”, fa notare Giacinto Palazzuolo, direttore generale del Comune di Vasto. L’hanno portata in braccio per una quindicina di metri. Quindi hanno imboccato una scalinata seminterrata che conduce a un’uscita secondaria su piazzale Histonium. Lì hanno trovato un imprevisto: un’automobile parcheggiata davanti alla porta. Il passaggio era totalmente ostruito. A quel punto, dopo aver bucato con una mola l’angolo in alto a destra del lato anteriore della cassaforte, hanno arraffato il più possibile. Poi sono scappati. Indaga la polizia, che ha fatto aprire la cassaforte dagli operai del Comune per controllare l’entità del bottino. Agli addetti è stato necessario un lungo lavoro con la sega circolare. Poi Palazzuolo ha contato il denaro rimasto. All’appello mancano 1596 euro, oltre a 68 carte d’identità in bianco. I servizi al pubblico forniti dall’ufficio anagrafe sono stati sospesi ufficialmente intorno alle 11, con una quindicina di cittadini in attesa in quel momento.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su