vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pilkington, dieci assunzioni al femminile nello stabilimento "Bravo"

Più informazioni su

SAN SALVO – Assunzioni al femminile al gruppo Pilkington, la multinazionale giapponese che a San Salvo produce vetro per auto. Dieci lavoratrici sono state inserite nelle linee produttive della Bravo, l’azienda satellite specializzata nelle terze lavorazioni: i 450 dipendenti si occupano di montare le guarnizioni che rifiniscono parabrezza e finestrini prodotti dalla Pilkington.

Le tute rosa sono state assunte con contratto interinale, da rinnovare mese dopo mese. Ma intanto dallo stabilimento principale della zona industriale di Piana Sant’Angelo sono già usciti i primi 15 operai, anche questi interinali, che non si sono visti rinnovare il contratto a causa del calo di produzione che ha causato effetti principalmente sul reparto accoppiati, dove fino a dicembre si scenderà da 4 a 3 turni. La conseguenza è che 100 operai rimarranno a casa nei fine settimana. Per i primi 50 è già scattata oggi la nuova turnistica, per gli altri lunedì prossimo, quando gli altri 15 interinali abbandoneranno l’azienda in attesa di tempi migliori che, secondo le previsioni dei sindacati, dovrebbero arrivare a gennaio del 2011.

In fabbrica si attende anche l’avvio dei testa antidroga. Analisi delle urine per verificare l’uso di sostanze stupefacenti. Saranno sottoposti al controllo i lavoratori che svolgono mansioni delicate, come carrellisti, carropontisti e addetti che si muovono in auto all’interno dello stabilimento.

I sindacati hanno chiesto all’azienda un preavviso rispetto alla data in cui il medico incaricato inizierà a svolgere le analisi. La procedura burocratica prevista dalla legge è stata già attivata la scorsa settimana. I lavoratori potranno rifiutarsi per giustificato motivo: malattia o ferie in corso. In caso di rifiuto ingiustificato, verranno chiamati una seconda volta a sottoporsi all’analisi delle urine, altrimenti scatterà la sospensione dalle mansioni svolte. Chi verrà trovato positivo al narcotest non rischierà il licenziamento, ma sarà spostato ad altra mansione di minore responsabilità.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su