vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vasto in musica/8. "Papà voglio fare il dj": Luigi e le notti vastesi

Più informazioni su

VASTO – Il nostro spazio Vasto in Musica prosegue con l’intento, così come accaduto per le scorse puntate, di presentare tutte le realtà musicali del territorio. Questa settimana ci avventuriamo nel campo della musica da discoteca e incontriamo Luigi Cicchini, un dj che, nonostante la giovane età (compirà la prossima settimana 24 anni), è già molto conosciuto ed affermato.

Come sei diventato un dj?
E’ iniziato tutto una decina d’anni fa. Ricordo che un giorno tornai a casa, andai vicino al mio papà, Nicola e gli dissi: “papà io voglio fare il deejay”. Lui mi guardò e sorrise, pensando potesse essere uno dei soliti capricci di un ragazzino. E invece no, era semplicemente l’inizio di una passione senza fine.  La cosa che mi affascinava di più erano tutte quelle lucette del mixer che andavano su e giù, tutte colorate. Quanto mi piacevano!

Come sei riuscito a portare avanti quella che era una tua passione?
L’ho portata avanti con tanta determinazione e con tanti sacrifici. Per quanto mi riguarda, contrariamente a ciò che si è soliti pensare riguardo ai dj,  ciò che faccio rappresenta un lavoro vero e proprio. E’ più evidente se si guarda oltre il solo atto pratico del mettere i dischi ma si prende in considerazione anche l’organizzazione di eventi. E’ questo un aspetto nel quale, con i miei colleghi di direzione artistica, sono coinvolto ormai da anni.

Ricordi la tua prima serata?
Certo che la ricordo. Avevo 14 anni ed ero al Piccolo Mondo con il grande Roberto Laccetti. Non nego che ero talmente emozionato che a momenti mi tremavano le gambe. La mia svolta artistica l’ho avuta conoscendo Luigi Fioravante nel 2003 (all’epoca avevo 16 anni).  La collaborazione con lui mi ha permesso di crescere e di poter assaporare tante consolle abruzzesi e non. Ed è proprio in quell’anno che ho fatto la prima apparizione con lui proprio all’hotel Dakar che all’epoca si chiamava Cafè Paris in occasione di una festa d’istituto.

Chi suona uno strumento o canta si esercita facendo le prove. Come fa le prove un dj?
Soprattutto agli inizi, ci si esercita nella messa a tempo dei dischi.  In ogni caso, l’esperienza, come in tutte le cose, la si matura sul campo. L’occhio clinico, per poter condurre una serata con successo, lo sviluppi solamente quando hai una pista in mano ed è lì che capisci quale disco, in una determinata circostanza, può far ballare di più.

Il tuo lavoro cambia seguendo le tendenze del momento o hai un tuo stile che mantieni nel tempo?
Ho sempre cercato di mantenere il mio stile sin dall’inizio mantenendo un’onda house commerciale. Non mi sono mai schierato dalla parte delle tendenze musicali, le reputo mode, che una volta passate non lasciano traccia.

Quali sono i locali in cui lavori o hai lavorato in questi anni?
Attualmente sono resident in gran parte dei locali vastesi, La Sfinge a San Salvo, Paparazzi a Termoli, Fitzroy a Lanciano e proprio in queste settimane siamo in trattativa con un locale cardine della nightlife pescarese. Sempre a Vasto sono stato presente con la Gohà sulle consolle della Ciucculella, Inpiscina, Eventi Palace Hotel, Tiluda Club, a Pescara  presso Discoteca Megà, Marni Beach, La Prora, mentre a L’Aquila alla Discoteca Guernica.

Ci parlavi di direzione artistica. In cosa consiste?
Attualmente sono in Gohà Staff, la direzione artistica formata Luigi Fioravante, Francesco Bevilacqua e me.  Da anni siamo in collaborazione con la vita notturna della nostra città sia con i classici appuntamenti del weekend  che con l’organizzazione di eventi. Per le nostre mani sono passati artisti del calibro di Cristian Marchi, Emanuele Inglese, Renee La Bulgara, l’intero staff del Diabolika e tanti altri volti noti della tv nazionale ed internazionale. Non nego che i sacrifici, sia fisici che economici sono enormi, ma tutto ciò viene ripagato con l’apprezzamento ed il divertimento della gente. E’ la cosa più bella che ci sia.

A breve verrà lanciato luigicicchini.it Cosa troveremo sul tuo sito?
Sarà un vero e proprio portale dedicato ai miei appuntamenti, foto degli eventi e tanto altro. Per il resto vi rimando all’uscita ufficiale fissata tra non molto.

Giuseppe Ritucci – giusepperitucci@yahoo.it

Più informazioni su