vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

D'Adamo: "Mi vietano di filmare il Consiglio". Forte: "Faccia richiesta"

Più informazioni su

VASTO – Stop alle riprese del Consiglio comunale a chi non è giornalista e scoppia la polemica a Vasto dopo la seduta di ieri, che ha segnato l’approvazione definitiva delle Nta, le norme anti cementificazione volute dal centrosinistra e osteggiate dal centrodestra, che le ritiene un freno allo sviluppo della città.

La polemica. Seduto nell’area destinata al pubblico, l’ex assessore Francescopaolo D’Adamo (Alleanza per Vasto) aveva iniziato a filmare gli interventi in aula con una videocamera che aveva usato già nella precedente seduta, al termine della quale il discorso del sindaco, Luciano Lapenna, era stato pubblicato sul blog internet dell’architetto. Questa volta è arrivato lo stop: “In Consiglio comunale – racconta D’Adamo – ho ripreso l’intervento del consigliere Fabio Giangiacomo sul punto all’ordine del giorno inerente alle norme tecniche. Lo stesso consigliere ha ritenuto di chiedere al presidente del Consiglio di farmi spegnere la telecamera. Per quale motivo? Non stavo mica riprendendo un discorso riservato! Stavo riprendendo un discorso pubblico, e sottolineo pubblico, da uno spazio pubblico, e ribadisco pubblico. Eppure questo mio comportamento deve aver dato molto fastidio a qualcuno”.

La replica. “Francescopaolo D’Adamo non è un giornalista e, dunque, deve presentare una semplice richiesta da porre al vaglio della conferenza dei capigruppo”. Nessuna censura, precisa Peppino Forte, presidente del Consiglio comunale. “E’ chiaro – aggiunge – che se un consigliere comunale non vuole essere ripreso, io devo dire no a chi ha acceso una videocamera e non è un giornalista. Se D’Adamo avesse presentato una richiesta scritta, la conferenza dei capigruppo non gli avrebbe negato questa possibilità”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su