vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Questione acqua, oggi Febbo a Vasto per parlare della diga di Chiauci

Più informazioni su

VASTO – La questione idrica al centro della visita a Vasto dell’assessore regionale all’Agricoltura, Mauro Febbo. Verifica dell’attuazione del finanziamento Cipe (comitato interministeriale per la programmazione economica) e delle prove di invaso della diga di Chiauci, attesa da decenni per risolvere il problema estivo della siccità: questi i temi principali della conferenza stampa convocata per stamani, alle 11, nella sede del Consorzio di bonifica Sud, in località Sant’Antonio Abate.

Insieme al presidente del Consorzio, Fabrizio Marchetti, e al responsabile procedimentale della diga, igegner Buda, Febbo illustrerà anche le iniziative che riguardano i finanziamenti per il Vastese previsti nel Piano irriguo nazionale e nell’intesa Stato-Regioni. Il 5 agosto, il titolare delle delega regionale all’Agricoltura aveva tenuto a battesimo il nuovo consiglio d’amministrazione dell’ente di bonifica.

Il vertice del 5 agosto. Accelerare sul completamento della diga di Chiauci per risovere il problema siccità nel Vastese, altrimenti, “i 7 incarichi per la realizzazione dei lavori verranno revocati”. Lo ha detto Mauro Febbo, assessore regionale all’Agricoltura, intervenendo stamani a Vasto, alla riunione del nuovo consiglio d’amministrazione del Consorzio di bonifica Sud, presieduto da Fabrizio Marchetti.

“La priorità per il Vastese – ha affermato Febbo – è il completamento della diga di Chiauci. Fortunatamente nelle ultime due annate neve e pioggia hanno evitato che si creassero situazioni di emergenza, ma non possiamo sempre contare sull’aiuto del cielo. Domani il presidente del Consorzio parteciperà a un incontro finalizzato ad accelerare i lavori di completamento. Altrimenti, procederemo alla revoca dei 7 incarichi conferiti”. Della diga di Chiauci si parla da decenni, ma l’opera pubblica destinata a risolvere il problema della carenza idrica in una vasta area di confine tra Abruzzo e Molise è ancora una chimera. “I 36 milioni di euro – ha sottolineato l’assessore regionale – sono tutti disponibili. Serviranno alla realizzazione di opere accessorie”, come inpianti di sollevamento e strade di servizio.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su