vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Inchiesta droga, attese per la prossima settimana decisioni del Gip

Più informazioni su

VASTO – Sono attese per domani le decisioni del Giudice per le indagini preliminari sulle richieste di scarcerazione e di revoca dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria presentate dagli avvocati difensori delle persone coinvolte nell’inchiesta antidroga condotta dai carabinieri di Vasto con indagini che toccano 6 regioni: Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Lazio e Piemonte.

Su richiesta del pm Giancarlo Ciani accolta dal Gip Elio Bongrazio, in carcere a Vasto sono finiti Pllumbi Sokol, Konci Ermand, 27 e 28 anni, albanesi, e Gianpiero Pennino, ventottenne nato a Sesto San Giovanni e residente in città. Il primo è disoccupato, gli altri due operai. Un giovane di 24 anni, A.N., anche lui operaio, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, mentre la denuncia in stato di libertà è scattata nei confronti di quattro albanesi: L.E., 27 anni, domiciliato a San Severo, M.L e H.L., 29 e 21 anni, che vivono a Vasto, e C.F., trentasettenne domiciliato a Casalbordino. Sono tutti accusati a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo gli investigatori, avrebbero spacciato in bar di Vasto, San Salvo e Termoli cocaina destinata agli acquirenti del Vastese e del Basso Molise. Di volta in volta piccoli quantitativi. Complessivamente i militari hanno sequestrato due chili di stupefacenti.

L’arresto di Ermand è avvenuto a Novi Ligure, dove si era trasferito. L’albanese si trova ora nel penitenziario di Alessandria. Le istanze di revoca delle misure restrittive sono state presentate dagli avvocati Massimiliano Baccalà, Giovanni e Antonello Cerella, Angela Pennetta ed Elisa Pastorelli.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su