vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Porto turistico: 7 domande per capire se è davvero necessario

Più informazioni su

VASTO – Sette domande per capire se è davvero necessario fare il porto turistico in località Trave, appena a Nord del Monumento alla Bagnante e lungo il litorale del futuro Parco nazionale della Costa teatina. Sei interrogativi rivolti da Luigi Spadaccini nel numero in uscita di Camminando Insieme, il periodico di cui è referente il consigliere comunale Luigi Marcello (Pdl). Ecco gli interrogativi posti da Spadaccini:

1) Dovendo fare un porto turistico, una scelta come quella di Località Trave sarebbe davvero così sbagliata, ovvero una collocazione a ridosso delle strutture ricettive, dell’anima turistica della città, dei mezzi pubblici, dei servizi, etc.?

2) Che senso avrebbe fare un porto turistico lontano dall’abitato e quale ricchezza ne potrebbe, dunque, derivare?

3) E poi, per dare nuovo impulso al turismo vastese è così necessaria la realizzazione di una nuova struttura portuale seppure a capitale privato o sarebbe necessario dapprima preparare l’humus idoneo con interventi prioritari come l’adeguamento delle infrastrutture viarie ed idriche, i trasporti,
le politiche dei prezzi, ad esempio?

4) È davvero necessario e proficuo avere un porto turistico ogni 13 Km di costa tra Pescara e
Termoli?

5) Se è vero quanto la stampa riportava già nell’estate 2010, gli enti che gestiscono i porti turistici più importanti della costa abruzzese- molisana hanno accumulato nel corso di questi anni milioni di euro di debiti. Ed allora perché se ne vogliono costruire altri?

6) Quali sono gli eventuali interessi reali che si celano dietro queste realizzazioni?

7) Infine, come mai a presentare un progetto così articolato su quello specifico sito è stata una società di Termoli e non un gruppo di investitori vastesi, dal momento che da vent’anni esistono sodalizi che spingono verso una tale iniziativa?

La richiesta di concessione per 50 anni delle aree su cui realizzare un approdo per diportisti da 362 posti barca è stata presentata dalla società Inporto srl di Termoli al Dipartimento marittimo di Ortona. Sarà la conferenza di servizi, che dovrà convocare il Comune di Vasto, a esprimersi sul progetto.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su