vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

In Senato commemorazione per Spataro con tante autorità

Più informazioni su

ROMA – Giuseppe Spataro è stato e deve rappresentare ancora un grande esempio morale in un periodo in cui di moralità nella politica c’è bisogno. E’ questo il senso delle parole che Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, ha pronunciato nella sala Nassiriya del Senato stamani, in occasione della commemorazione che il partito ha organizzato per il 32esimo anniversario della scomparsa del senatore vastese, che è stato vice segretario di don Sturzo nel Partito popolare, fondatore della Democrazia cristiana e più volte ministro. All’evento è intervenuta anche la figlia di Spataro, Anna.

I presenti. Al tavolo dei relatori il vice presidente del Senato, Giuseppe Nania, il senatore Gianpiero D’Alia, capogruppo Udc a Palazzo Madama, e la vastese Anna Paola Sabatini, responsabile della nazionale della scuola di formazione del partito centrista. Conclusioni affidate all’ex parlamentare Germano De Cinque, amico di Spataro. C’erano anche il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna e il vice sindaco, Vincenzo Sputore, il presidente del Consiglio provinciale di Chieti, Enrico Rispoli, l’assessore provinciale di Pescara Valter Cozzi, il consigliere regionale Antonio Prospero, la figlia di De Gasperi, l’ex presidente del Senato, Franco Marini, gli ex parlamentari Romeo Ricciuti e Paolo Tancredi, tutti i deputati e senatori dell’Udc, una folta rappresentanza di rappresentanti abruzzesi a Palazzo Madama, il presidente della Fondazione Carichieti, Mario Di Nisio, rappresentanti del Vaticano, delle autorità militari e delle Fondazioni Sturzo e De Gasperi, eminenti esponenti del mondo accademico e dell’associazione Abruzzesi a Roma, amministratori delle città che hanno avuto rapporti significativi con l’attività del più celebre politico vastese.

“Nelle parole della Sabatini, che ha aperto i lavori – si legge in un comunicato dell’Udc – la percepibile grande emozione di poter ricordare in una sede tanto prestigiosa un conterraneo il cui ruolo è stato fondamentale nel consentire la rinascita democratica del Paese dopo il secondo conflitto mondiale e nel dare un nuovo volto all’Abruzzo tutto; un uomo delle istituzioni che è stato un grande esempio per l’esemplare attaccamento al territorio e per la forte e concreta attenzione ai giovani”.

L’appuntamento si è concluso con una preghiera di suffragio del cappellano parlamentare.

giusepperitucci@yahoo.it

 

Più informazioni su