vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sevel: salta l'accordo per l'assunzione di 300 lavoratori a termine

Più informazioni su

PIAZZANO DI ATESSA – E’ saltato oggi, al momento di mettere la firma, l’accordo tra Fiat e sindacati alla Sevel di Piazzano di Atessa, la più grande azienda abruzzese. Sembrava fatta l’intesa che avrebbe fugato i timori delle scorse settimane. Invece, Cgil, Cisl e Uil hanno hanno rifiutato, quando hanno letto la clausola di esigibilità: una postilla in base alla quale, per iscritto, i sindacati avrebbero dovuto rinunciare agli scioperi nei giorni di lavoro straordinario collettivo, altrimenti gli operai sarebbero andati incontro a pesanti sanzioni, che avrebbero potuto condurre anche al licenziamento. Di fronte a questa ipotesi, quasi tutte le sigle sindacali hanno opposto un netto rifiuto. Ha firmato solo la Fismic.

“La Fiom ha chiesto garanzie sulle stabilizzazioni occupazionali e sul rispetto dell’accordo del 2005. Abbiamo chiesto un verbale ‘pulito’ dalle vergogne di Pomigliano e Mirafiori da sottoporre ai lavoratori tramite assemblee e referendum”, protesta Marco Di Rocco, segretario provinciale della Fiom-Cgil.

La proposta dell’azienda del gruppo Fiat prevedeva l’assunzione di 150 lavoratori abruzzesi tra coloro ai quali era scaduto in precedenza il contratto e altrettanti provenienti dalla ex Bertone di Torino. La dirigenza, di fronte a un previsto aumento della produzione, aveva chiesto ai rappresentanti sindacali di accettare la previsione di 7 straordinari per turno tra il 19 febbraio e il 28 maggio. Ora il brusco stop alla trattativa.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su