vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pd, nuovo vertice con Di Giuseppe. Giallo sul presunto incontro a Roma

Più informazioni su

VASTO – Saranno i vertici nazionali a ricomporre la spaccatura nel Partito democratico di Vasto? La voce circola nel centrosinistra e all’interno dello stesso Pd. Ma è un giallo che si dipana tra ipotesi e smentite. Si parla di incontro imminente nella capitale tra i dirigenti nazionali, i referenti abruzzesi e i due protagonisti del braccio di ferro a Vasto: Luciano Lapenna, sindaco dimissionario, e Peppino Forte, presidente del Consiglio comunale. I protagonisti delle primarie che rischiano di saltare e su cui stasera i responsabili locali e quelli regionali del Pd dovranno decidere.

Intanto, il tam-tam si diffonde a macchia d’olio: mercoledì a rapporto nel loft romano. “Che la nostra questione sia all’attenzione del partito a livello nazionale è vero. Ma io, fino ad ora, non ho ricevuto nessuna convocazione”, afferma Lapenna.

Il vertice. “Rinviare le primarie? Stasera avremo una riunione a Vasto con la dirigenza locale per decidere”. Non si sbottona Camillo Di Giuseppe, segretario provinciale del Pd e commissario del partito a Vasto. A lui il difficile compito di rimettere insieme i cocci di un vaso che è andato in frantumi dopo l’indizione delle primarie, la sfida lanciata da Peppino Forte a Luciano Lapenna per decidere la candidatura a sindaco e le dimissioni rassegnate dal primo cittadino.

“Abbiamo nominato la commissione composta da me, il senatore Giovanni Legnini e il capogruppo in Consiglio regionale Camillo D’Alessandro per consultare e ascoltare tutti. Ho convocato per oggi pomeriggio una riunione a Vasto con la dirigenza locale per trovare una soluzione. L’ipotesi di rinvio delle primarie? Decideremo stasera”.

Alle 18, il caminetto dei Democratici dovrà provare a sbrogliare una matassa che il trascorrere dei giorni non può far altro che intrecciare. Anche perché mancano appena 7 giorni alla data fissata per le primarie. “Non ci sono i tempi tecnici”. “Così non si potrebbe fare nemmeno un minimo di campagna elettorale per la nomination”, dicono alcuni attivisti del Pd. 

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su