vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Giornata delle ferrovie dimenticate: domenica il brindisi per il parco

Più informazioni su

VASTO – A distanza di 364 giorni, si ritroveranno il 6 marzo, domenica prossima, per ricordare che è trascorso un altro anno senza che il Parco nazionale della Costa teatina sia divenuto una realtà. Se ne parla dal 2005 quando, a marzo, l’ultimo treno regionale percorse la linea ferroviaria adriatica, poi smantellata.

Per sollecitare l’attuazione del progetto, gli ambientalisti torneranno a manifestare in occasione della quarta Giornata nazionale delle ferrovie dimenticate.

Il 6 marzo, alle 10, ritrovo davanti alla ex stazione ferroviaria di piazza Fiume. Alle 10.30 partenza per una passeggiata lungo il tracciato con escursione su uno dei trabocchi. Al ritorno, alle 12.30, aperitivo in compagnia nell’area dello scalo ferroviario dismesso. Lo scorso anno, il serpentone verde si era mobilitato il 7 marzo, in una splendida mattinata di sole, in cui gli attivisti avevano anche ripulito un po’ la massicciata della vecchia strada ferrata-

Nel decreto milleproroghe approvato dal Parlamento non senza polemiche e con le osservazioni del presidente della Repubblica, è stato inserito un emendamento presentato dal senatore Giovanni Legnini (Pd): entro il 30 settembre, Regione Provincia e Comuni dovranno dare attuazione alla legge istitutiva della riserva naturale, altrimenti arriverà un commissario inviato da Roma.

“L’emendamento – spiegano Lino Salvatorelli dell’Arci e Stefano Taglioli del Wwf – impone ai Comuni entro il 30 settembre di presentare le loro proposte di perimetrazione mentre la risoluzione regionale istituisce un tavolo di lavoro tra Regione, Comuni e Provincia di Chieti. Chiediamo quindi a tutti gli enti Locali di svegliarsi dall’inerzia e dare il proprio contributo alla nascita del Parco nazionale, che sarebbe il coronamento definitivo dei progetti di tutela, salvaguardia e valorizzazione della Costa teatina e delle sue immense ricchezze naturalistiche”.

I promotori. Alla manifestazione hanno aderito Arci, Wwf, Amici di Punta Aderci, Cai, Costituente del Parco della Costa teatina e Fai.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su