vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Devastati gli interni dell'ex asilo "Carlo Della Penna"/Foto

Più informazioni su

VASTO – La furia distruttrice dei vandali si è accanita contro l’ex asilo Carlo Della Penna di Vasto. La struttura di via Madonna dell’Asilo è chiusa dal 2009, anno del terremoto dell’Aquila. E’ stata una scuola dell’infanzia e, per alcuni anni, anche la sede del corso universitario di Interpretariato.

A entrare in azione è stata probabilmente una banda composta da diversi elementi, che ha sfondato la stanza in cui vengono conservate le merci sequestrate dalla polizia municipale nell’ambito dei controlli anti-abusivismo. Verificato che era impossibile violare la porta blindata tagliafuoco, i vandali hanno sfondato un muro prendendolo a martellate. Distrutti anche gli archivi cinquantennali dell’asilo. “I danni ammontano a svariate migliaia di euro”, dice Ignazio Rullo, dirigente del settore Servizi del municipio, che stamani ha compiuto un sopralluogo insieme al sindaco, Luciano Lapenna, e ai vigili. Un’inchiesta è stata aperta dalla polizia. Sono stati i residenti della zona, che in nottata hanno sentito forti rumori, ad allertare Comune e forze dell’ordine. Gli ignoti sono entrati forzando una finestra del cortile interno.

“Meno male che avevamo portato via i documenti più importanti”, dice Rocco Di Scipio, responsabile del Distretto scolastico di Vasto, la cui sede è stata trasferita all’interno del Liceo classico Pudente, di cui Di Scipio è preside.

“Sono molto preoccupato per l’entità dei danni, che si aggira nell’ordine delle migliaia di euro”, dichiara Luciano Lapenna, sindaco di Vasto. “Si è trattato di un gesto teppistico posto in essere con l’intento di distruggere. Ed è l’ultimo di una serie di atti vandalici verificatisi in città”. Oltre 300 nel 2010, secondo i dati della Prefettura di Chieti, basati sulle denunce sporte da cittadini e pubblica amministrazione contro ignoti.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su