vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Della Porta: "Nessuna alleanza con chi mi ha tradito"

Più informazioni su

VASTO – “Non ci può essere un gruppo unico con chi ha tradito”. Mario Della Porta mette i paletti. A Vasto, al momento, non ci sono le condizioni per un centrodestra unito. Il candidato sindaco che ha perso al ballottaggio con Luciano Lapenna lo dice apertamente a Vastoweb, anche perché cominciano a rincorrersi le voci che lo vorrebbero pronto ad al Terzo polo, oppure all’Udc.

In ogni caso, lontano dal Pdl che, per primo, lo ha candidato. E che, per primo, si è spaccato sul sostegno all’ex magistrato. Si continua a registrare aria di burrasca. Sabato, Nicola Del Prete, leader di Alleanza per l’Italia, aveva detto che “qualcosa, di sicuro, faremo insieme a Della Porta. Al momento, non possiamo ancora dire che cosa”.

Il 77enne ex presidente del Tribunale conferma di gradire l’interessamento: “Con Del Prete e le sue liste ci siamo già avvicinati prima del ballottaggio: loro hanno detto sì all’apparentamento. Ci consultiamo e vediamo come organizzare l’opposizione. Ma che sia un’opposizione finalizzata a risolvere i problemi di Vasto. Di quale gruppo consiliare farò parte? Non ancora ho deciso. Lo Statuto comunale consente di formare in Consiglio anche gruppi composti da un solo consigliere. So che alcuni sono tentati dallo sfruttare questa possibilità. Lavoriamo, in ogni caso, a un coordinamento delle liste che si sono apparentate al ballottaggio”.

Il riferimento è a Pdl, Udc, Alleanza per Vasto e Progetto per Vasto, le forze politiche che sono riuscite a far eleggere dei loro rappresentanti nell’assemblea. “Ma non c’è niente di segreto”, tiene a precisare Della Porta, che non sembra intenzionato, però, a dialogare con tutti: “Non ci può essere un gruppo unico con chi ha tradito. I miei rapporti col Pdl? Né freddezza, né calore. Mi sembra che nel Popolo della libertà ci sia qualcuno che ha qualche responsabilità di questo risultato elettorale. Devono chiarirsi al loro interno. Altrimenti, rimarranno all’opposizione per i prossimi trent’anni”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su