vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sabato l'ordinazione di Don Salvatore Policino

Più informazioni su

VASTO – Grande festa alla comunità salesiana di Vasto: un giovane cresciuto nell’oratorio Don Bosco sarà ordinato sacerdote. Salvatore Policino, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di S.E. Monsignor Bruno Forte, vescovo della diocesi di Chieti-Vasto, dirà il suo si al Signore e a don Bosco, fondatore della congregazione, per diventare un prete al servizio dei giovani.
 
Salvatore è al suo decimo anno di cammino nella congregazione, la sua vocazione è nata passando molto tempo in oratorio e, frequentando il gruppo sportivo della PGS Virtus Basket, ha imparato a conoscere sempre più a fondo l’amore che Dio aveva per lui.

Il suo cammino per la preparazione a questo giorno di festa è iniziato dal pre-noviziato per poi arrivare a studiare filosofia e, ultimamente, teologia.

Ha fatto la sua professione perpetua a Vasto, il 16 settembre 2009, ordinato diacono a Torino il 13 giugno 2010 nella basilica di Maria Ausiliatrice. E’ ora confratello nella comunità del Sacro Cuore di Roma e segue un progetto europeo denominato “Sacro Cuore”, che si occupa di recupero e assistenza ai giovani rifugiati che vivono nella capitale.
 
La celebrazione eucaristica dell’ordinazione inizierà alle ore 18, sabato 18 giugno, in Piazza della Repubblica, antistante alla chiesa di S. Giovanni Bosco, e sarà trasmessa in diretta su TRSP Televisione e sul sito internet http://www.donboscovasto.it/ .

Al termine del rito dell’ordinazione del sabato, la comunità salesiana invita tutti a partecipare in Oratorio ad un momento di festa attorno a don Salvatore, partecipando al rinfresco da loro offerto.

Don Salvatore presiederà, poi, la sua prima messa domenica 19 alle ore 11 nella chiesa dei Salesiani.
“Appuntamenti da non perdere- ricorda il parroco don Francesco Labarile – è bello festeggiare assieme ad un giovane che è cresciuto proprio nella nostra città, nel nostro oratorio”.

Aurelio Marinelli

 

Più informazioni su