vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Del Prete (ApV) in Consiglio: "Risolvere l'emergenza fogne"

Più informazioni su

VASTO – “C’è una emergenza che va affrontata subito ed in maniera risoluta: è quella delle fogne a Vasto marina. Censuriamo l’amministrazione comunale che per bocca del consigliere di maggioranza Maurizio Vicoli (Sel) ha espressamente riferito in Consiglio comunale che “le fogne sono un problema della Sasi, non del Comune”.

Lo ha affermato stamani in Consiglio comunale Nicola Del Prete, capogruppo di Alleanza per l’Italia. “Vicoli non sa che il Sindaco è la massima autorità sanitaria del Comune – ha detto Del Prete – ed a Vasto marina da qualche settimana, oramai, siamo in piena emergenza sanitaria se è vero che in mare sfocia di tutto, come ampiamente documentato dalle foto dei bagnanti, in barba alla bandiera blu ed agli sforzi risibili del Comune di dire che la situazione è sotto controllo. La vicenda è molto seria – ha proseguito Del Prete – rischiamo di giocarci definitivamente il ruolo di città turistica per eccellenza di questa regione. Infatti, anche a detta di operatori turistici, numerose sono le disdette che non fanno presagire un agosto da ricordare. Quest’oggi al Sindaco ed al Presidente del Consiglio abbiamo consegnato un ordine del giorno, come consiglieri comunali di opposizione, in cui invitiamo l’amministrazione comunale, in vista dell’approvazione del bilancio di previsione del 2011 entro agosto, di porre in essere tutte le azioni possibili perché finanzi, anche con l’aiuto degli enti sovraordinati, progetti per realizzare una nuova rete fognaria ed un nuovo sistema di canalizzazione delle acque bianche alla Marina, che garantiscano la piena balneabilità del nostro mare. Se a Vicoli piace palleggiare con la Sasi la responsabilità di quanto sta accadendo, a noi no! Per questa ragione chiediamo interventi urgenti non più dilazionabili che siano strutturali al cospetto di un problema che sta creando un danno di immagine alla nostra città di proporzioni incalcolabili”.

Più informazioni su